Biglietti in prevendita per i concerti dei Sum 41 in Italia nel 2020

Sono in prevendita i biglietti per i concerti dei Sum 41 in Italia in estate

1
CONDIVISIONI

Dopo il live di gennaio, sono ufficiali i nuovi concerti dei Sum 41 in Italia, organizzati per la prossima estate. I live si terranno il 14 agosto al Festival di Majano in provincia di Udine e il 15 agosto, al Bay Fest 2020 di Bellaria Igea Marina. I biglietti sono in prevendita su TicketOne, Mailticket e Vivaticket.

La consegna dei tagliandi di ingresso avverrà secondo le modalità abituali, quindi con corriere espresso e con ritiro sul luogo dell’evento. In questo caso, è necessario passare per la cassa ed esibire un proprio documento d’identità valido. In caso di ritiro da parte di terzi, è invece richiesta una delega con firma e documento del delegante e del delegato.

Chi sono i Sum 41

La carriera musicale dei Sum 41 inizia alle superiori, quando i membri della formazione originale militavano ancora in band rivali. Il nome attuale arriva solo nel 1996, a seguito del loro incontro definitivo, proprio a 41 giorni dall’inizio dell’estate.

L’EP di debutto arriva nel 2000

Half Hour Of Power è l’EP di debutto che arriva il 27 giugno del 2000. Dall’EP estraggono Makes No Difference, utilizzato nella colonna sonora del film Summer Catch, Bring It On, Maial College e Out Cold, ma anche in alcuni videogiochi. Il disco di debutto arriva invece un anno dopo, col titolo All Killer No Filler. Segue il rilascio di alcuni singoli di successo.

Il 2002 è l’anno del secondo album di inediti, quello in cui si avverte un primo cambio di rotta, anche se lo stile rimane quello caratteristico dei Sum 41. Il primo singolo estratto è Still Waiting. Il brano diventa anche la colonna sonora del videogioco Obscure.

Nel 2004 arriva Chuck con il rilascio del primo singolo, che individuano in We’re All To Blame, quindi arrivano Pieces e Some Say. Esce il nuovo album Happy Live Surprise, che contiene 22 canzoni, tutte suonate dal vivo a London, in Ontario.

Il 2007 è l’anno di Underclass Hero dei Sum 41

Nel 2007 esce Underclass Hero, che rilasciano senza la supervisione di Greig Nori. In contemporanea, esce Walking Disaster. A tre anni di distanza esce Screaming Bloody Murder. In quell’anno, sono in tour anche in Italia, a supporto del nuovo album. Nel 2013, Steve Jocz lascia la band, dopodiché dichiara:

“Sono spiacente di annunciare che ho deciso di lasciare i Sum 41. Suonare con la band è stata un’esperienza incredibile che ci ha portati ancor più avanti da quando ci esercitavamo nello scantinato dei miei genitori al visitare innumerevoli paesi in tutto il mondo. Ho avuto l’opportunità di vedere e di vivere tantissime cose e per questo sono sinceramente riconoscente. Voglio solo ringraziare tutti i nostri fan per aver reso gli ultimi 17 anni possibili. È stato bellissimo. Ancora grazie, Stevo”.

Derick aveva invece parlato del nuovo album attraverso un’intervista:

“Penso che sarà un’evoluzione dallo scorso album. Preferirei mantenerlo più pesante e oscuro come il precedente, ma vorrei anche andare su qualcosa di più grande e differente e aggiungere qualche nuovo strumento. Voglio cambiare qualcosa, ma non so esattamente cosa”.

13 Voices arriva quindi nel 2016, mentre nel 2019 rilasciano il nuovo singolo Out For Blood, ma anche A Death in the Family e Never There. Order In Decline è l’album che porteranno in tour in Italia nel 2020.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.