Paolo Jannacci a Sanremo 2020 con Voglio Parlarti Adesso: il nuovo album e l’esordio come cantautore

Figlio d'arte, nel 1998 diresse l'orchestra per un brano del padre Enzo

11
CONDIVISIONI
Photo by Virginia Bettoja / Instagram

Paolo Jannacci a Sanremo 2020 presenterà il brano Voglio Parlarti Adesso in gara nella categoria Campioni.

Figlio d’arte, non è nuovo al palco dell’Ariston anche se in questa occasione si presenta al suo esordio come cantautore. Nel 1998, infatti, diresse l’orchestra per il brano del padre Enzo Quando Un Musicista Ride e nel 2014 partecipò alla Giuria di Qualità del Festival che in quel tempo era presieduta da Paolo Virzì. Nel 2019, infine, ha accompagnato il cantante Enrico Nigiotti nel brano Nonno Hollywood.

Paolo Jannacci a Sanremo 2020

Paolo Jannacci a Sanremo 2020 si esibisce nella seconda serata con Voglio Parlarti Adesso.

Paolo racconta il suo brano con queste parole:

Voglio Parlarti Adesso racconta in maniera delicata ed intensa, l’amore di un padre verso la figlia e l’inevitabile passare del tempo che rende adulti i bambini allontanandoli dai genitori.

Ma in questo allontanamento così normale, ed al contempo così difficile da accettare, nasce una promessa istintiva, forte, sincera ed estremamente umana. La promessa di essere sempre presente e pronto ad aiutarla, nonostante le proprie fragilità ed insicurezze.

Voglio parlarti adesso descrive l’esigenza di strappare alle stagioni della vita, un piccolo momento immortale.

Chi è Paolo Jannacci

Nato a Milano il 5 settembre 1972, Paolo Jannacci è figlio dello storico cantautore Enzo Jannacci ed è musicista, compositore e arrangiatore. Jazzista fino alle ossa, suona il pianoforte, il basso e la fisarmonica.

Il suo percorso musicale inizia quando aveva 6 anni grazie alle lezioni di Lina Marzotto Pollini e Davide Tai, ma il maestro eccellente sarà il suo stesso padre Enzo Jannacci che insieme a Paolo Tomelleri ed Ilario Nicotra gli insegnano strumento e armonia mentre Paolo prosegue nella formazione umanistico-linguistica.

Dal 1988 inizia la sua attività di musicista professionista e nel 1990 consegue il diploma in lingue. Il suo eclettismo gli consente di partecipare a colonne sonore per film, pubblicità ma anche per rappresentazioni teatrali, e non a caso nel 2008 si è perfezionato presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Como.

Canterò
  • Canterò
  • Paolo

Tra le colonne sonore da lui composte ricordiamo le musiche per il film Piccoli Equivoci di Ricky Tognazzi (1989), Papà Dice Messa di Renato Pozzetto (1996), Mi Fido Di Te di Massimo Venier (2006) e Somewhere di Sofia Coppola (2009).

Con la Paolo Jannacci Band di cui è pianista e direttore riesce ad arrivare al grande pubblico tra il 2010 e il 2012, comparendo anche negli spettacoli di Zelig e tra il 2013 e il 2014 partecipa come arrangiatore nei dischi del padre Enzo.

Nel 2015 entra a far parte della band di J-Ax in cui suona il pianoforte e la fisarmonica.

La sua carriera è costellata di collaborazioni: ha suonato, infatti, con artisti del calibro di Max Pezzali, Ornella Vanoni, Paolo Conte e Dario Fo.

Nel 2011 ha pubblicato con Mondadori la biografia del padre Aspettando Al Semaforo.

Riconoscimenti

Paolo Jannacci ha vinto per tre volte la Targa Tenco: nel 2002 con il brano Lettera Da Lontano, nel 2004 con L’Uomo A Metà e nel 2005 con l’album Milano 3-6-2005, la quarta ed ultima raccolta di Enzo Jannacci.

L’album d’esordio di Paolo Jannacci

Canterò è l’album d’esordio di Paolo Jannacci, che dopo una carriera fatta di soddisfazioni, riconoscimenti e collaborazioni ha lanciato il suo primo disco come cantautore il 4 ottobre 2019.

In Canterò sono presenti i featuring di Claudio Bisio nel brano Mi Piace e di Danti ne L’Unica Cosa Che So.

Il 7 febbraio Canterò uscirà in repack digitale con il singolo di Sanremo e un altro inedito.

La partecipazione di Paolo Jannacci a Sanremo 2020 sarà trasmessa in diretta su Rai 1 dal 4 all’8 febbraio.

Testo e significato di Voglio Parlarti Adesso di Paolo Jannacci.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.