Niente più POCOPHONE F1: produzione interrotta

Smette di essere prodotto il POCOPHONE F1: dopo le ultime scorte verrà messo fuori gioco

9
CONDIVISIONI

Possiamo tutti dire addio a POCOPHONE F1, il flagship killer che certamente molti di voi avranno imparato ad apprezzare e ad amare. Ne ha parlato ai microfoni di ‘India Today Tech‘ il dg della divisione indiana di POCO, rivelando che non poteva essere altrimenti essendo stata interrotta, da parte di Qualcomm, la produzione del processore Snapdragon 845, che ricordiamo essere il processore che spinge questo dispositivo. Del resto, dovevamo aspettarci un risvolto del genere, vuoi anche per una questione puramente di marketing (vi abbiamo parlato proprio ieri dell’ufficializzazione del POCO X2), ed oltretutto sono pochissimi gli OEM che continuano a produrre smartphone vecchi di 18 mesi, come nel caso del POCOPHONE F1.

Al momento il dispositivo risulta ancora disponibile nei negozi Mi Home, su Amazon India e su Flipkart, almeno fino a che tutte le scorte rimaste non verranno esaurite (il dispositivo manca già su Mi.com). Facciamo presente che neppure il nuovo POCO X2, di cui vi abbiamo parlato più diffusamente in questo articolo dedicato, risulta acquistabile nello store online di Xiaomi, probabilmente perché POCO India ha un sito web autonomo (parliamo del primo dispositivo lanciato come marchio indipendente).

POCO X2 altro non è che un Redmi K30 con un comparto 4G, appositamente rinominato per la vendita sul mercato indiano, e che differisce dal suo alter-ego per la UI (MIUI per POCO) e poche altre modifiche. Il device farà il suo debutto commerciale su Flipkart il prossimo 11 febbraio ad un prezzo di partenza di circa 200 euro per il modello base con 6GB di RAM e 64GB di memoria interna (la massima versione con 8GB di RAM e 256GB di ROM avrà un prezzo di circa 240 euro al cambio attuale). Per POCOPHONE F1, invece, c’è poco da fare: bisognerà dirgli addio molto presto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.