Gigi D’Alessio a Sanremo 2020 dagli esordi a Noi Due

Tra gli ospiti del Festival di Sanremo, anche il noto cantautore partenopeo

2
CONDIVISIONI

Gigi D’Alessio a Sanremo 2020? Ormai è una realtà. Dopo la conferma del diretto interessato sui suoi canali social, si attende solo l’arrivo dell’artista sul palco del Teatro Ariston dal quale manca dal 2017, quando partecipò con il brano La Prima Stella.

Nei mesi appena trascorsi, Gigi D’Alessio è stato protagonista di un programma in prima serata che ha condiviso con Vanessa Incontrada. Lo show ha ottenuto un buon successo di pubblico, nonostante la coppia di conduttori fosse debuttante in prima serata.

Chi è Gigi D’Alessio

Gigi D’Alessio nasce a Napoli il 24 febbraio 1967. Inizia a dedicarsi alla musica fin da molto piccolo, mentre apprende dal padre alcune prime nozioni di fisarmonica. Le prime lezioni di pianoforte arrivano da piccolo, con i primi rudimenti di solfeggio, mentre entra in Conservatorio all’età di 12 anni. Consegue il diploma in pianoforte all’età di 21 anni e a 23 dirige l’Orchestra Scarlatti.

Lavora con Mario Trevi, Pino Mauro e Angela Luce, quindi diventa il pianista ufficiale di Mario Merola. Il primo album arriva nel 1992 e s’intitola Lasciatemi Cantare, quindi pubblica Scivolando Verso L’Alto. Nel 1993, pubblica il terzo album dal titolo Dove Mi Porta Il Cuore, quindi Passo Dopo Passo, disco che contiene il brano Annarè.

Noi due
  • Gigi d'alessio
  • Noi due

Chiove e Anna Se Sposa sono presenti nell’album Fuori Dalla Mischia, che pubblica nel 1996. Nel 1998, pubblica È Stato Un Piacere. Approda quindi in BMG e rilascia Portami Con Te, fino a esibirsi per il Presidente Clinton al Galà del National Italian American Foundation.

Arriva il primo Festival di Sanremo con Non Dirgli Mai, che inserisce nell’album Quando La Mia Vita Cambierà. Il disco è certificato Oro poco dopo l’uscita. L’anno successivo, canta Tu Che Ne Sai di Vincenzo D’Agostino, che presenta al 51° Festival di Sanremo e comprende nell’album Il Cammino Dell’Età. Nell’album è presente anche il singolo Mon Amour.

Uno Come Te contiene invece la grande hit Miele, in cui include 14 canzoni tra cui il grande successo Non Mollare Mai e il duetto con Anna Tatangelo, Un Nuovo Bacio. Esce Quanti Amori, nel 2004, nel quale incide Non C’è Vita Da Buttare.

Nel 2005 torna al Festival di Sanremo con L’Amore Che Non C’è, scritta con Vincenzo D’Agostino e che include nelle nuove pubblicazioni di Quanti Amori. Segue il rilascio di Made in Italy, che porta in giro per il mondo con una lunghissima serie di concerti.

Questo Sono Io esce nel 2008 e contiene 11 nuove canzoni, dalle quali estrae il nuovo singolo Superamore. Pino Daniele scrive testi e musica di Addo’ so’ nnato ajere. Intanto, intraprende le prime esperienze come presentatore, conducendo Gigi, Questo Sono Io per Rai1. Torna a Sanremo nel 2012 con Respirare, con Loredana Bertè, ottenendo il quarto posto. Contestualmente, esce l’album di inediti Chiaro, dal quale estrae Sono Solo Fatti Miei. Esce Ora, dal quale estrae il singolo omonimo. Torna poi in tour con Malaterra, che ottiene un ottimo successo di pubblico. Nel 2017, torna a Sanremo con il brano La Prima Stella, che include nell’album 24 febbraio 1967.

A fine 2019, rilascia l’album Noi Due dopo la prima partecipazione a The Voice Of Italy al quale ha preso parte come giudice. Nei prossimi mesi, partirà il tour di supporto all’album che ha lanciato con il singolo in collaborazione con Gué Pequeno.

Gigi D’Alessio al Festival di Sanremo

La prima volta di Gigi D’Alessio al Festival di Sanremo risale al 2000, quando ha portato in gara Non Dirgli Mai. Torna nel 2001 con Non Dirgli Mai, quindi nel 2005 con L’Amore Che Non C’è. In duetto con Loredana Bertè porta Respirare e nel 2017 per La Prima Stella. Nel 2020, sarà super ospite della nuova edizione del Festival condotta da Amadeus.

Progetti Futuri

Gigi D’Alessio sarà in tour per supportare Noi Due nel corso dei prossimi mesi. I biglietti sono in prevendita su TicketOne e in tutti i canali abilitati alla vendita.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.