Tutto su Rula Jebreal a Sanremo 2020, giornalista impegnata per le donne

Giornalista, attivista e scrittrice, Rula Jebreal farà un monologo contro la violenza

194
CONDIVISIONI

Rula Jebreal a Sanremo 2020 comparirà nella prima serata del Festival il giorno martedì 4 febbraio. Scelta da Amadeus e inserita nella rosa delle 10 co-conduttrici della kermesse, Rula Jebreal parlerà della violenza sulle donne durante la sua partecipazione alla prima serata.

LE 10 CO-CONDUTTRICI DI SANREMO, TUTTO IL PROGRAMMA

Chi è Rula Jebreal

Rula Jebreal nasce ad Haifa, Israele, il 24 aprile 1973.

In Italia e nel mondo è nota per il suo impegno nell’informazione sui conflitti arabo-israeliani, un interesse e una passione coltivati sin dalla tenera età. Mentre consegue il suo diploma, infatti, Rula Jebreal è già nel mondo del volontariato presso i campi di accoglienza in Palestina.

Nel 1993 vince una borsa di studio offerta dal Governo Italiano e prosegue i suoi studi presso l’Università di Bologna dove consegue il diploma in Fisioterapia. Nel 1997 si affaccia al mondo del giornalismo e inizia la sua carriera in tre importanti testate nazionali, Il Resto Del Carlino, La Nazione e Il Giorno.

Nel frattempo si specializza come reporter e grazie alla conoscenza di diverse lingue – arabo, inglese, ebraico e italiano – comincia ad occuparsi di politica estera con un particolare interesse per le notizie sulla situazione in Medio Oriente. In questo contesto diventa militante del Movimento Palestinese per la Cultura e la Democrazia e ottiene un ruolo nel programma televisivo di La7 Diario Di Guerra nel 2002.

Nel 2003 su La7 cura la rubrica in lingua araba della rassegna stampa e scrive come editorialista per Il Messaggero sulle notizie di politica estera. Nello stesso anno Rula Jebreal si sposta a Roma per condurre l’edizione notturna del telegiornale fino ad aggiudicarsi il premio Mediawatch come migliore conduttrice emergente nel 2004.

Nel 2005 conduce il programma di approfondimento Pianeta7 e nel 2006 affianca Michele Santoro ad Annozero.

Dal 2007 è autrice e conduttrice di Onda Anomala, un appuntamento di RaiNews24. Il suo impegno nel mondo dei rifugiati e nella politica estera continua nel 2013 quando insieme a Michele Cucuzza conduce le due puntate del programma Mission – Il Mondo Che Il Mondo Non Vuole Vedere su Rai 1.

Le sue capacità le permettono di essere annoverata dalla scrittrice Yvonne Sciò tra le 7 donne di successo nel documentario Seven Women.

Rula Jebreal è anche scrittrice di successo. Autrice di 4 romanzi, dal suo libro autobiografico La Strada Dei Fiori Di Miral (2004) è stato tratto il film Miral (2007) di cui ha curato la sceneggiatura con la regia di Julian Schnabel, suo ex compagno.

Rula Jebreal a Sanremo 2020

La partecipazione di Rula Jebreal a Sanremo 2020 sarà incentrata principalmente a un monologo sulla violenza sulle donne, un tema che la lega profondamente al ricordo della madre. Violenza delle donne dunque sessismo, una parola alla quale si è ricorso a partire dalla prima conferenza stampa del Festival e che ha sollevato la prima grande polemica sulla kermesse.

Il suo intervento a tema è stato confermato dall’amministratore delegato della Rai Fabrizio Salini che ha assicurato che l’intervento di Rula Jebreal a Sanremo 2020 sarà un focus sul tema della violenza sulle donne senza divagazioni.

Potremo vedere Rula Jebreal a Sanremo 2020 durante la prima serata, martedì 4 febbraio, in diretta su Rai 1 dal Teatro dell’Ariston.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.