Non sono scomparse le ricariche Vodafone con 1 euro in meno, cosa non fare dal tabaccaio

Meglio capire il meccanismo delle vecchie ricariche che coesistono con le nuove per evitare confusione

32
CONDIVISIONI

Sono del tutto scomparse le ricariche Vodafone con 1 euro in meno nei tagli da 5 e 10 euro? Purtroppo no, nonostante la diffida dell’AGCM a questo operatore e al concorrente TIM che ha utilizzato strumenti simili per i suoi clienti, soprattutto nella seconda parte del 2019. Vero è che le ricariche “normali” con l’intero importo convertito in credito telefonico sono tornate ad essere rivendute presso i tabaccai e le edicole ma purtroppo queste coesistono anche con quelle che restituiscono una somma inferiore da abbinare al numero telefonico (ma giga in più in regalo). Bisogna dunque chiarire la differenza tra i due metodi che potrebbe trarre in inganno, soprattutto i più distratti e purtroppo anche anche i clienti con qualche anno in più.

Le ricariche Vodafone con 1 euro in meno, dunque, coesistono con quelle tradizionali presso i tabaccai e le edicole che fanno parte del circuito Lottomatica e Servizi in rete 2001. Come sottolineato anche sul sito Mondomobileweb, c’è una differenza di erogazione che dovrebbe mettere in allarme proprio i clienti. Quando si fornirà il numero telefonico all’esercente e questo provvederà all’operazione di accredito attraverso il suo terminale, purtroppo l’importo abbinato al proprio numero sarà quello decurtato di 1 euro (dunque 4 o 9 euro a seconda dei tagli da 5 e 10 euro). Al contrario, se si vorrà usufruire di tutta la propria spesa per rinnovare il piano telefonico, bisognerà chiedere presso i negozi solo e soltanto la stampa di un codice PIN che andrà attivato attraverso la classica procedura telefonica in autonomia, via numero 42010.

Dispiace costatarlo ma la misura dell’AGCM che aveva appunto vietato le ricariche Vodafone con 1 euro in meno ha funzionato solo in parte. I clienti meno attenti ma soprattutto quelli meno inclini alla tecnologia e “dipendenti” dagli altri e dunque in particolare i più anziani rischiano di incappare ancora nel tagli con credito inferiore. Per questi ultimi va chiarito che si potrà fare richiesta di rimborso dell’importo ottenuto in meno ad un operatore del 190 ma solo in un’occasione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.