I servizi Google per Huawei sono ancora la priorità: rettifica arrivata

Sembravano destinati a scomparire dai radar di Huawei i servizi Google, ma la rettifica è arrivata

39
CONDIVISIONI

Avevamo capito che Huawei fosse proiettata a prendere le distanze dai servizi Google, esasperata dalla situazione venutasi a creare per via del ban USA. Questa, per lo meno, era stata la posizione espressa da Fred Wangfei, country manager austriaco, a questo punto non condivisa dall’azienda. In un’email inviata alla Redazione di “The Verge“, il produttore cinese ha fatto sapere che la sua prima scelta è e resterà l’ecosistema aperto di Android, GMS inclusi.

Non si può che fare così, visto che si tratta di una combinazione che ha aiutato la società a diventare il secondo OEM al mondo per volume di dispositivi spediti. La compagnia di Shenzhen ha anche fatto sapere che, proprio come Google (ammesso e non concesso sia così), si continuerà a sperare in una concessione delle licenze, cosa che comunque sappiamo non dipendere da Huawei. I HMS (Huawei Mobile Services, ndr.) sono nati proprio come conseguenza dell’ingresso nella entity list del colosso cinese, ma questo non signifia che ci sia volontà da parte del produttore di abbandonare i Google Mobile Services. L’email conclude ricordando che proprio Huawei è stata tra i principali collaboratori nello sviluppo dell’OS open source di Android nel corso dell’ultimo quinquennio.

La verità potrebbe anche stare nel mezzo, questo non possiamo saperlo (non siamo nella testa dei dirigenti di casa Huawei, anche se vorremmo fortemente). Esplicitare così platealmente la non intenzione di attendere l’evoluzione della situazione relativa ai servizi Google dedicandosi a propri ad altro (i Huawei Mobile Service, per l’appunto), in ogni caso, non si sarebbe rivelata una scelta intelligente (visto soprattutto quanto popolari sono i GSM in Europa). La questione resta ancora tutta da verificare: speriamo di potervi dare altre notizie il prima possibile. Se volete, lasciate un commento all’articolo per dirci la vostra.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.