Salutiamo i servizi Google su Huawei P40 e P40 Pro: i dirigenti svelano le carte

Nuova potenziale svolta per gli utenti che seguono da vicino tutte le vicende riguardanti il modo Huawei

86
CONDIVISIONI
Huawei P40

Stanno arrivando in queste ore alcune novità davvero importanti che avranno per forza di cose degli effetti pesanti sulla produzione di Huawei P40 e P40 Pro. In questi giorni abbiamo analizzato diverse indiscrezioni riguardanti la fase di pre-lancio del device, se pensiamo al fatto che ci siamo soffermati anche sul probabile prezzo di listino dei due modelli, ma oggi 30 gennaio occorre fare i conti con altre voci che potrebbero fare la differenza agli occhi di alcuni utenti.

Risvolti per Huawei P40 e P40 Pro

Secondo quanto riportato da fonti austriache, infatti, in queste ore i vertici del produttore asiatico avrebbero confermato la volontà di staccarsi dai servizi Google. Attenzione, questo non vuol dire che i vari Huawei P40 e P40 Pro abbandoneranno il sistema operativo Android. Lo stesso discorso è da ritenersi valido per gli altri modelli che vedranno la luce nel corso del 2020, motivo per il quale lasciarsi andare ad inutili allarmismi sarebbe eccessivo allo stato attuale delle cose.

Quanto trapelato in queste ore ovviamente avrà degli effetti in diverse categorie merceologiche. Tuttavia, se è vero che in alcune aree Huawei riesca a primeggiare anche coi proprio servizi, in ambito mobile c’è ancora un gap importante rispetto a Google. Questioni di cui si dovrà tener conto anche coi nuovi Huawei P40 e P40 Pro, il cui prezzo di listino potrebbe essere più basso rispetto alle previsioni di qualche settimana fa proprio per le ragioni che vi ho appena esposto.

Staremo a vedere nel corso dei prossimi giorni se ci saranno ulteriori prese di posizione da parte del produttore, in modo da chiarire preventivamente tutte le informazioni del caso che ci accompagneranno fino alla presentazione ufficiale dei nuovi Huawei P40 e P40 Pro. Che ne pensate delle potenziali implicazioni sul loro prezzo? Fatecelo sapere a fine articolo.

Segui gli aggiornamenti della sezione Huawei sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.