Mika a Sanremo 2020 per il ritorno nella città italiana del cuore

L'artista libanese tra gli ospiti del Festival di Sanremo 2020 condotto da Amadeus

122
CONDIVISIONI

Mika a Sanremo 2020 come super ospite. L’artista libanese torna sul palco del Teatro Ariston dopo che, qualche mese fa, aveva rilasciato una canzone dedicata alla Città dei Fiori che è stata la prima a essere stata visitata durante un viaggio in Italia da bambino.

Il suo amore per l’Italia è continuato anche negli anni successivi, fino ad arrivare a una sorta di adozione da parte del nostro paese, trainata dalla prima partecipazione a X Factor come giudice del talent di Sky Uno.

Chi è Mika

Mika nasce il 18 agosto del 1983 a Beirut. Si trasferisce con la famiglia a Parigi e quindi a Londra, all’età di 9 anni, dove frequenta il Lycée Français Charles de Gaulle, la Westminster School e per tre anni il Royal College of Music. Gli anni della scuola trascorrono con difficoltà, a causa di una forma di dislessia che gli impedisce di leggere gli spartiti, ma anche l’orologio, oltre a non consentirgli di utilizzare la penna per scrivere.

Il primo contratto arriva anche grazie alla sua abilità con MySpace, dove si fa conoscere e grazie al quale ottiene il primo contratto discografico per l’incisione delle hit Grace Kelly, che rilascia nell’autunno dello stesso anno.

Il suo esordio internazionale è del 2007, e precisamente del 29 gennaio, quando è stato rilasciato il suo album di debutto, Life In Cartoon Motion, con il quale ha venduto 7 milioni di copie in tutto il mondo. Ha riscosso un successo globale, fino a raggiungere la posizione 29 della Billboard 200. Grace Kelly è il primo singolo estratto, seguito da Relax (Take It Easy), che ha pubblicato il 1° giugno del 2007.

Arrivano Love Today ed Happy Ending, con la quale dà una netta sterzata dal genere con il quale si era fatto conoscere proponendo una ballata dal sapore tipicamente pop. Il quinto singolo è Big Girl (You Are Beautiful), che riscuote un nuovo successo commerciale, e Lollipop, che ottiene un riscontro minore.

L’EP Songs For Sorrow esce l’8 giugno 2009 e precede il secondo album di Mika, The Boy Who Knew Too Much, che è stato pubblicato il 21 settembre 2009. L’album è registrato a Los Angeles sotto la produzione di Greg Wells, che aveva partecipato anche ai lavori per il suo album di debutto. Dal disco, estrae We Are Golden, quindi Rain, Blame It On The Girls che però non intercetta il successo commerciale. Arriva poi Kick Ass (We Are Young), che ha trainato la versione estesa di The Boy Who Knew Too Much. Nel 2011, torna con Elle Me Dit con l’amica Fanny Ardant.

Nel 2012 collabora con Madonna per la scrittura del singolo Gang Bang, quindi esce con un singolo promozionale, Make You Happy, che però non rappresenta il singolo di lancio di un nuovo album. Con Celebrate e la collaborazione con Pharrell Williams anticipa il nuovo album di inediti, che intitola The Origin Of Love, in cui si contano le collaborazioni con Pharrell Williams, Ariana Grande, Priscilla Renea e Benny Benassi. Nella sua prima apparizione a X Factor, canta il brano Underwater, intervenendo anche come quinto giudice. Nel 2013, è il primo giudice internazionale di un talent show italiano, occupando una delle poltrone di X Factor. Nel 2013, esce anche Songbook Vol. 1.

Il 15 giugno del 2015 esce No Place In Heaven, che anticipa con il singolo Good Guys. Intanto, continua la sua esperienza come giudice a X Factor, con il quale ha letteralmente stregato il pubblico italiano. Duetta anche con il collega Fedez in Beautiful Disaster. Ottiene quindi un programma per Rai Due, Stasera Casa Mika, che replica con una seconda edizione.

Mika al Festival di Sanremo

La sua prima partecipazione è del 2017, per l’ultima edizione condotta da Carlo Conti. Nel corso della sua ospitata, oltre ad aver annunciato il ritorno di Stasera Casa Mika, ha anche cantato un medley con Grace Kelly, Good Guys, Boum Boum Boum e Jesus To A Child, come omaggio a George Michael.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.