Sabrina 4 su Netflix sarà un The Crown tra demoni e Lovecraft: le nuove anticipazioni

Sabrina 4 su Netflix sarà una versione diabolica di The Crown che attinge ai temi lovecraftiani: le nuove anticipazioni dallo showrunner

1
CONDIVISIONI

Se avete visto la terza stagione e non vedete l’ora di scoprire cosa accadrà in Sabrina 4 su Netflix, lo showrunner ha nuove anticipazioni per voi. Roberto Aguirre-Sacasa ha dichiarato a Wrap che le riprese stanno per terminare, aggiungendo come il nuovo capitolo sarà molto diverso da quello precedente.

ATTENZIONE: L’articolo contiene SPOILER sulla terza stagione di Sabrina.

La terza stagione si è conclusa con il botto, anticipando un decisivo cambio di rotta nella serie tv. A questo proposito, Aguirre-Sacasa ha affermato che la decisione di Sabrina avrà delle enormi ripercussioni sulla trama. Horror a parte, Le Terrificanti Avventure di Sabrina mantiene anche la sua parte humour:

Una delle cose davvero divertenti è che facciamo una versione demoniaca di The Crown, con intrighi di palazzo e giochi di potere tra Lucifer (Luke Cook), Madam Satan/Lilith (Michelle Gomez) e Sabrina (Kiernan Shipkra). È qualcosa che esploreremo. Ma la lotta per il potere è principalmente tra Lilith e Lucifer. Questa fa parte della grande storia presente fin dall’inizio della serie. Sabrina è messa nel mezzo; ora il neonato di Satana ne farà parte.

La Sabrina Spellman, regina dell’Inferno, ha quindi un fratellino in arrivo per cui dovrà tenere il suo trono. Ma cosa accadrà invece alla Sabrina di Greendale? A quanto pare lei e i cittadini avranno a che fare con altre entità ugualmente demoniache:

Uno dei miei scrittori horror preferiti è H.P. Lovecraft, e c’è assolutamente un’atmosfera di quel tipo. Portiamo in scena delle idee primitive dell’orrore, della paura e le rilasceremo su Sabrina, sugli Spellman e su Greendale. La città diventa un campo di battaglio per queste epiche guerre tra bene e male, e tra orrore e sanità mentale, il che è enorme. È una grande storia.

Per coloro che non conoscono bene il lavoro dello scrittore d’horror H.P. Lovecraft, l’autore di Providence è noto ai suoi lettori per aver creato i personaggi fittizi legati all’universo del Necronomicon, tra cui spicca la mostruosa entità cosmica Cthulhu e i cosiddetti Grandi Antichi (secondo la narrativa di Lovecraft, sarebbero esseri alieni antidiluviani presenti prima della nascita della civiltà). Dopo aver sconfitto il culto dei pagani, questi saranno i nuovi antagonisti che vedremo in Sabrina 4 su Netflix. Senza dimenticare la minaccia rappresentata da Padre Blackwood (interpretato da Richard Coyle).

Alla fine della stagione, Padre Blackwood libera “i terrori di Eldritch’. Questo genere di minacce entreranno in azione nella quarta stagione. Ogni episodio ha un Big Bad che rappresenta una paura e un terrore primordiale. Perciò, a causa di ciò che ha liberato, vedremo Blackwood ascendere a un nuovo di livello di malvagità rispetto alla prima stagione. 

Lasciando da parte la componente horror, lo showrunner ha parlato anche della vita sentimentale dei protagonisti. Sabrina e Nick si sono lasciati, mentre Harvey e Rosalind sembrano più uniti che mai. Infine Theo pare aver intrapreso una relazione con Robin. Ma come stanno realmente le cose?

A un certo punto della terza stagione, Caliban ha insinuato che Harvey potrebbe non essere innamorato di Roz perché incapace di liberarla dallo stato in cui si trovava (si era lentamente trasformata in una statua e solo il bacio del vero amore avrebbe spezzato l’incantesimo). Sabrina e Harvey non hanno esplicitamente parlato dei loro sentimenti, ma è chiaro che c’è ancora qualcosa tra loro.

C’è un universo in cui Caliban stava completamente mentendo a proposito di quell’incantesimo. È stata una parte interessante della terza stagione, e continueremo a giocarci nella quarta. C’è quest’idea degli amanti sventurati, e con chi Sabrina e Harvey dovrebbero stare. Credo che entro la fine della quarta stagione lo scopriremo.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.