Arrivano le prime 3 contromisure di Xiaomi contro Coronavirus oggi 28 gennaio

Già messe in pratica le prime disposizioni del produttore contro una minaccia sempre più diffusa

Xiaomi

La diffusione del pericoloso Coronavirus non poteva non avere conseguenze anche nel mercato smartphone, soprattutto nell’ottica di produttori cinesi come Xiaomi. Proprio questo marchio, al netto di alcune considerazioni condivise questa mattina a proposito dei valori SAR dei propri smartphone, ha deciso di adottare le prime contromisure. L’obiettivo aziendale, ovviamente, è quello di collaborare al massimo con il governo in Cina, per limitare inutili rischi che andrebbero ad aggiungersi a quelli correnti.

Le 3 disposizioni di Xiaomi contro il Coronavirus

In particolare, al momento sarebbero tre le contromisure adottate da Xiaomi, affinché si dia il giusto contributo per limitare i pericoli del Coronavirus. Ad esempio, i Mi Store nazionali rimarranno chiusi dal 28 gennaio al 2 febbraio. Per cercare di prevenire contagi e di rendere aperti ambienti pubblici in cui potrebbero concentrarsi molte persone, le normali attività riprenderanno il 3 febbraio, anche se non si escludono eventuali aggiornamenti.

Ancora, per l’acquisto di prodotti gli utenti possono rivolgersi al sito ufficiale (mi.com), o in alternativa all’app Xiaomi Mall. Le spedizioni e le consegne saranno per forza di cose rallentate a causa della festività nazionale in Cina, visto che da poco è stato festeggiato il Capodanno. A tal proposito, il produttore si scusa preventivamente per gli eventuali disagi che potrebbero esserci per gli utenti nel corso delle prossime settimane.

Infine, Xiaomi ha avvertito tutti che per ottenere assistenza post-vendita è possibile chiamare in Cina il numero 4001005678, tramite il quale tutti gli utenti potranno ricevere supporto tecnico gratuito. Al momento non sappiamo ancora quali contromisure verranno adottate per quanto concerne il mercato italiano e quello europeo, visto che oggi 28 gennaio non riscontro ancora prese di posizione ufficiali del produttore. Che idea vi siete fatti in questo senso? Fateci sapere con un commento qui di seguito.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.