Resident Evil e il Coronavirus, le connessioni che spaventano

Strani parallelismi tra la serie horror marchiata Capcom e il contagio che nelle ultime settimane ha messo in apprensione la comunità scientifica

123
CONDIVISIONI

L’arrivo di Resident Evil 3, il remake del terzo capitolo della serie, è atteso nel giro di una manciata di mesi. Un titolo che seguirà la scia tracciata dal gioco rilasciato all’alba del 2019, e che è stato in grado di ottenere un grande successo sia da parte della critica che del pubblico.

Un titolo che è destinato a saziare le voglie di prodotti videoludici di stampo horror, viste le tempistiche non proprio brevissime previste per l’ottavo episodio della saga. Le ultime notizie parlano infatti di tempi più prolissi di quanto si poteva immaginare per il gioco inedito, con l’arrivo che è quindi al momento previsto sulle console di prossima generazione, PS5 e Xbox Series X.

Resident Evil e il contagio videoludico

Gli ultimi giorni hanno in sostanza portato l’orrore di Resident Evil anche nel mondo reale. Le ultime notizie riguardanti il Coronavirus che ha contagiato centinaia di persone a Wuhan, in Cina – e che rischia di dilagare in tutto il mondo, creando una vera e propria pandemia – richiama in maniera pericolosa le basi narrative della serie Capcom.

A rendere il tutto ancor più preoccupante e grottesco è la presenza proprio a Wuhan di un laboratorio di ricerca biologica molto particolare. Le foto pubblicate in rete mostrano infatti un parallelismo abbastanza evidente proprio tra il logo del centro di ricerca e quello della Umbrella Corporation della saga, con le differenze che sono evidenziate soltanto da una diversa scelta cromatica. Il rosso lascia infatti il posto al celestino, ma la forma non si discosta da quella scelta da Capcom per la compagnia incriminata all’interno del franchise.

Un utente Twitter ha poi rincarato la dose, scovando nel nome del Coronavirus un particolare anagramma. Corona è infatti l’anagramma di Racoon (in inglese procione, ndr), molto simile al nome di una delle città-focolaio del virus nella serie, Raccoon City.

Non si tratterà di un contagio capace di trasformare in zombie, ma il pericolo biologico c’è ed è certificato dalla comunità scientifica internazionale. E questi parallelismi di certo mettono qualche brivido, soprattutto tra i fan di Resident Evil.

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Commenti (3):
SexySardinaComplottista

bello sta cosa onestamente fa ridere, vai a vederti Resident evil 6 lì viene creato il virus C(come il Coronavirus) e pensa un pò ci sono delle missioni ambientate in Cina. ;)

SexySardinaComplottista

bello sta cosa onestamente fa ridere, vai a vederti Resident evil 6 lì viene creato il virus C e pensa un pò ci sono delle missioni ambientate in Cina. ;)

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.