Il caso Junior Cally sbarca a Non è l’Arena con Skioffi che rifiuta il confronto con Red Ronnie

Il caso Junior Cally sbarca a Non è l'Arena con Red Ronnie e Skioffi, il video dello scontro

815
CONDIVISIONI

Massimo Giletti continua a marciare sui temi caldi della cronaca e del costume e allora come evitare di parlare del caso Junior Cally a Non è l’Arena? Il giornalista ha pensato bene di focalizzare l’attenzione sul rapper del momento, colui che è finito alla gogna per via dei suoi testi sessisti e violenti e che, nonostante tutto, salirà sul palco del Festival di Sanremo 2020 targato Amadeus. Lo stesso conduttore ha ribadito che ha tenuto conto della sua canzone “sanremese” e che non ha di certo chiesto il curriculum agli artisti che si sono proposti per il suo Festival.

La sua storia è per certi versi molto simile a quella di Skioffi, il cantautore eliminato da Amici 19 proprio sabato pomeriggio e che Massimo Giletti ha avuto modo di invitare nella sua trasmissione ieri sera proprio per trattare il tema legato alla violenza contenuta nei testi di alcuni rapper.

Presenti in studio da Massimo Giletti sono due esperti del settore ovvero Paolo Giordano e Red Ronnie. Il primo continua a ribadire il fatto che, pur prendendo le distanze da questi testi e da tanta violenza, si tratta di rap ma il secondo non ci sta e sottolinea come altri rapper, primo fra tutti J-Ax, non siano mai ricorsi a questi termini nelle loro canzoni inveendo contro il direttore artistico come ha fatto dalle pagine di Libero: “Amadeus è un bravissimo presentatore ma non è adatto a fare il direttore artistico perché non capisce un cazzo di musica. Le sue scelte sembrano fatte solo in base agli algoritmi che determinano chi fa più visualizzazioni su YouTube o Spotify“.

Nel salotto di Massimo Giletti rilancia:

“Voi tutti avete detto che quella di Sanremo è una bella canzone, nel momento stesso in cui quello va in onda con la maschera diventando un supereroe per i bambini e quando lo cercano e trovano il suo video su YouTube vedono massacri e violenza… i bambini sono delle scimmiette che imitano i grandi”.

Il tema si sposta poi su Skioffi e proprio Red Ronnie non può far altro che intervenire visto che proprio dalle pagine di OptiMagazine nei giorni scorsi sia lui che Grazia di Michele hanno detto la loro sul ragazzo sul quale è stato puntato il dito solo in virtù degli ascolti. Proprio per via di quello che è stato detto, però, arriva il colpo di scena della trasmissione, con Massimo Giletti che chiede al suo ospite di uscire su richiesta di Skioffi. La cosa indigna e non poco visto che sicuramente non si sta parlando di un artista internazionale che possa arrogarsi il diritto di scegliere con chi parlare e con chi no soprattutto perché ospite in una trasmissione televisiva.

Da “gentiluomo” ed “esperto di televisione” Red Ronnie ha lasciato lo studio pur rimanendo poco lontano dal ring dove Skioffi ha ribadito per l’ennesima volta che la sua canzone, Yolandi, è stata il frutto di una scelta sbagliata ma che lui ha definito artistica e non autobiografica giustificando, di fatto, Junior Cally che ha detto le stesse cose delle sue canzoni. Nonostante fosse stato messo alle corde, Red Ronnie ha ribadito: “Non lo sa ancora ma è stato solamente usato, è entrato ad Amici 19 quando non doveva, adesso è uscito da quel frullatore e non posso che consigliargli un bravo psicologo“.

Ecco di seguito il video del momento:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.