BoB, Best Of Barone: Red Ronnie accoglie Phil Palmer, un monumento nella storia della musica

Da Lucio Battisti a Renato Zero, Phil Palmer ha collaborato anche con Eric Clapton e i Dire Straits

130
CONDIVISIONI

Nella seconda clip del BoB, Best Of Barone ammiriamo Phil Palmer, monumento musicale vivente nonché maestro insieme a tante opere d’arte del rock e non solo.

Suo è il nome legato a tanti mostri sacri che con il loro genio hanno scritto importanti capitoli della storia della musica. Red Ronnie lo accoglie al Barone Rosso, e la sua presenza durante la puntata del 13 gennaio ci riporta indietro negli anni per riscoprire le nostre origini.

Optimagazine era presente come media partner e ha immortalato un momento in cui si è parlato di Eric Clapton, Pino Daniele, Mark Knopfler e Lucio Battisti. Da quest’ultimo è d’uopo partire, in quanto Phil Palmer ha firmato il celebre assolo di chitarra del brano Con Il Nastro Rosa, considerato ancora oggi uno dei più grandi esempi di talento e genio della storia della musica italiana.

Una scelta, quella di Phil, che non venne accolta bene dal padre. Lo racconta a Red Ronnie: pur crescendo in un ambiente ad alto contenuto musicale – era parente dei Kinks – suo padre non appoggiava la sua vocazione per il rock’n’roll: “Non gli piaceva: fare rock’n’roll in quegli anni significava avere a che fare con alcol e droga”.

Tuttavia, Phil non rinuncia al suo sogno. Fondata la prima band inizia la sua esperienza come session man e questo gli permette di spostarsi su vari generi e dare prova del suo talento. Intorno al 1984 succede un fatto: erano le 4 di mattina e sua madre bussò alla sua camera: “C’è il signor Bowie al telefono”.

David Bowie, in quel periodo, si trovava a Monaco per produrre il disco The Idiot di Iggy Pop e voleva che Phil Palmer partecipasse al progetto.

Phil Palmer, inoltre, ha prodotto il disco Zero Il Folle di Renato Zero insieme a Trevor Horn e per questo Red Ronnie gli fa una sorpresa. Zero ha mandato un video messaggio rivolto proprio a Palmer:

Diventare Phil Palmer è dura. Occorre molto lavoro, molta sperimentazione, contatti con altri artisti di altissima levatura e tanta passione. Quando si diventa Phil Palmer, ovviamente, si conquista il mondo.

Voi musicisti, devo riconoscerlo, siete molto fortunati: i vostri solo di chitarra parlano tutte le lingue, mentre noi poveri interpreti se non conosciamo l’inglese, il francese, il tedesco, lo spagnolo, il cinese e l’arabo restiamo in casa e cantiamo per i parenti.

La conversazione si sposta poi su Rod Stewart. Phil racconta che il disco di Rod Stewart nel quale ha collaborato con la produzione di Trevor Horn è stato numero 1 in classifica in Inghilterra, ma si parla anche del grande George Michael, di cui ha composto il riff di Faith.

Phil Palmer ha collaborato anche con Tina Turner: “Amo questa donna, è buddhista come mia moglie Numa”. Con Bob Geldof ha composto le 27 canzoni del disco The Vegetarians Of Love (1990) in 3 giorni.

La conversazione si sposta poi sui Cream di Eric Clapton, in particolare sul singolo Badge. Imparò l’assolo del brano quando aveva 14 anni, mandando avanti e indietro la puntina del giradischi di sua madre.

Alcuni anni dopo, nel 1990, si trovava in tour con Eric Clapton in Argentina. Durante il soundcheck Clapton suonò Badge e domandò chi di loro conoscesse il brano. Phil Palmer alzò la mano e Eric scelse di metterla in scaletta. Phil si propose per suonare l’assolo e Clapton acconsentì. Red Ronnie mostra quel momento in cui Phil Palmer esegue l’assolo con Eric Clapton in secondo piano.

Red Ronnie, poi, ricorda quella volta in cui a Eric Clapton si ruppe una corda della chitarra poco prima di un assolo, e al microfono disse: “Go, Phil!” per invitarlo ad eseguirlo al posto suo mentre lui doveva recarsi nel backstage per sostituire la corda.

Dietro le quinte c’erano i Dire Straits e Phil vide Mark Knopfler e Eric Clapton mentre lo osservavano ammirati della sua esecuzione: “Ero più nervoso per loro due che mi guardavano anziché per il pubblico presente”, ricorda Phil con ironia.

Poco dopo, non a caso, Phil Palmer si esibì insieme ai Dire Straits. Un legame che il musicista continua a sostenere: oggi Phil è membro del progetto Dire Straits Legacy insieme a Alan Clark, Trevor Horn, Mel Collins, Danny Cummings, Marco Caviglia, Jack Sonni, Primiano Di Base e Andy Treacy.

Arriva il momento di parlare di Pino Daniele. Phil Palmer si mostra commosso: “Lo amo. L’ho conosciuto poco ma abbiamo collaborato tanto, è la persona più generosa che abbia mai incontrato”. L’appuntamento si chiude con le immagini dei due artisti che suonano insieme Invece No e con Phil Palmer che dice: “Pino, ci manchi”.

Di seguito la seconda clip del BoB, Best Of Barone con Phil Palmer.

Guarda tutti gli episodi del BoB! Clicca qui.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.