BoB, Best Of Barone: da Red Ronnie Numa Palmer parla della musica come guarigione

Definita "cantante del self-empowerment", la moglie di Phil Palmer sottolinea l'importanza energetica delle canzoni

16
CONDIVISIONI

Nella terza clip del BoB, Best Of Barone che riassume la puntata del 13 gennaio del Barone Rosso, il format di Red Ronnie di cui Optimagazine è media partner, scopriamo Numa Palmer.

Moglie dello storico chitarrista Phil Palmer, Numa ha cominciato a cantare quando era bambina.

Suo padre era l’impresario di Raffella Carrà, Loretta Goggi, Bobby Solo e tanti altri. Spesso lei lo accompagna nei tour e una volta, quando aveva appena 5 anni, vide Raffaella Carrà ballare sulla schiena di Enzo Paolo Turchi. “Ho pensato: che bello! Voglio farlo anche io!”, e da quel momento la piccola Numa ha cominciato a fare piccoli spettacoli nella sua scuola e in altri contesti che riguardavano l’intrattenimento per bambini. “Era già la mia passione”, dice Numa con fierezza.

Dalla tenera età Numa ha scelto la coerenza con se stessa, una posizione che le ha permesso di intraprendere il percorso che sognava, una cosa che tutti dovrebbero fare. Buddhista orgogliosa da 25 anni, considera la musica come un mezzo di guarigione e di comunicazione importantissimo, ma proprio perché si parla di energia talvolta potrebbe diventare un mezzo pericoloso.

Negatività, rancore, rabbia e vendetta inoculate nella musica possono trasmettere un messaggio altrettanto negativo, per questo lei si considera una cantante del self-empowerment, ovvero una voce dell’auto-potenziamento, una ricerca del proprio potere interiore e la capacità di poterlo trasmettere.

Rabbia, rancore, frustrazione: pensate se io fossi in macchina, con i bambini, a scuola e mi mettessi a canticchiare quel brano che parla di rabbia, rancore frustrazione. Pensate al male che certi messaggi potrebbero fare.

Red Ronnie fa l’esempio del caso del rapper Skioffi e del mondo di Lazza, Capo Plaza e Sfera Ebbasta rappresentato nel video del brano Gigolò in cui il marketing sembra andare oltre la morale. Numa corregge: “Non è un fatto morale, ma un fatto energetico. Se facciamo vite difficili e vogliamo raccontarle usiamo la rabbia, il rancore e la sofferenza”.

La musica molto spesso è considerata un cestino delle emozioni, spiega Numa, e per questo bisogna sempre calibrare il messaggio che si vuole trasmettere. L’ascoltatore deve sempre sentirsi sollevato e capito, quando ascolta musica, ed è proprio ciò che Numa si promette di fare ogni volta che canta una canzone.

Per la sua vocazione ha ricevuto il premio Musica Per La Pace. Insieme al marito Phil Palmer esegue The Secret Key, un pezzo che parla della legge di attrazione. Una ballad pacata e confortevole, The Secret Key, che decisamente dona pace all’atmosfera del Barone Rosso.

Il suo nuovo singolo è Stronger, e Red Ronnie chiede a Numa di spiegare il perché della nudità scelta per il video ufficiale. La cantante spiega che la nudità rappresenta lo spogliarsi da ogni protezione per poter ripartire da sé: “Vorrei che noi donne fossimo ricordate per le nostre qualità, e non soltanto per le violenze che abbiamo subito in tutta la storia”.

Accompagnata dalla base, Numa Palmer canta Stronger, un pezzo quasi dance ma degno di un’atmosfera celebrativa della propria forza.

Di seguito la terza clip del BoB, Best Of Barone con Numa Palmer.

Guarda tutti gli episodi del BoB! Clicca qui.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.