Il punto sulle serie tv AMC del 2020: debutti e rinnovi da Better Call Saul a The Terror

AMC prova a tenere il passo della concorrenza riportando sugli schermi The Walking Dead, Better Call Saul e The Terror, e affiancandovi nuove produzioni interpretate da volti noti della serialità televisiva recente

Nella settimana di presentazione della programmazione annuale, le serie tv AMC provano a tenere il passo delle concorrenti in un 2020 già colmo di ottime prospettive. La rete porta avanti i suoi cavalli di battaglia, in primis Better Call Saul e The Walking Dead, e vi affianca nuove produzioni sviluppate e interpretate da nomi eccellenti. Facciamo quindi il punto sulle novità previste per le serie tv AMC.

Better Call Saul

Better Call Saul 5 debutterà su AMC il 23 febbraio, ma il network ha già decretato il rinnovo per una sesta e ultima stagione. Tutto secondo i piani, dunque: Concluderemo la serie con 63 episodi, che è esattamente il numero che volevamo e speravamo, ha commentato lo showrunner Peter Gould. Quando abbiamo iniziato [questo spin-off di Breaking Bad] speravamo di poter raccontare tutta la storia di Jimmy McGill, e con una sesta stagione ci riusciremo.

Non è chiaro se la conclusione di Better Call Saul coincida temporalmente con l’avvio degli eventi in Breaking Bad o meno. Sono stati proprio Gould e Gilligan, creatore della serie, ad ammettere di non esser partiti con un’idea ben precisa in mente.

Better Call Saul, motivo Breaking Bad-Tazza da tè alta qualità
  • Alta qualità ceramica tazza da tè o caffè
  • Lavastoviglie e forno a microonde sicuro

Per quattro stagioni [il finale] è stato molto nebuloso. Nella quinta stagione la nebbia ha cominciato a dissolversi e abbiamo potuto intravedere la fine: nulla di ciò che mi sarei aspettato. Quando questa stagione finirà capirete meglio in che direzione ci stiamo muovendo.

Inevitabili le domande della stampa sul futuro dell’intero universo Breaking Bad: l’ultima stagione di Better Call Saul ne segnerà la fine? Vorrei lavorare con questi ragazzi per sempre, ma il rischio è di mettere troppa carne al fuoco e non vorrei farlo, ha ammesso Gilligan. Come dico sempre io, mai dire mai.

Dispatches From Elsewhere

La serie antologica in dieci episodi Dispatches From Elsewhere è un’intuizione di Jason Segel. Si tratta di una serie tv AMC dai toni riflessivi e trascendenti, in cui un gruppo di persone qualunque si vede costretto ad astrarsi dalle normali preoccupazioni della vita per risolvere un mistero dalla portata imprevedibile.

Segel, non nascondendo richiami narrativi a Michel Gondry, ha dichiarato di voler dare alla sua creatura un tocco artistico, lasciando spazio a un’individualità imbrigliata per quasi un decennio.

Il cast della prima stagione comprende lo stesso Jason Segel, Richard E. Grant, Sally Field, Eve Lindley, Andre Benjamin, Tara Lynne Barr, Amanda Schoonover, Jayson Ward Williams e Amir Campbell. Trattandosi di una serie antologica è più che probabile che un’eventuale seconda stagione comporti un rinnovo completo dei suoi interpreti.

Dispatches From Elsewhere debutterà su AMC il 2 marzo. Ecco il primo trailer ufficiale della serie:

61st Street

Fra le serie tv AMC in arrivo nel prossimo futuro figura inoltre un’ambiziosa produzione firmata Peter Moffat, vincitore di un BAFTA e in passato al lavoro su Criminal Justice, Your Honor e The Night Of. La sua ultima fatica s’intitola 61st Street, di cui il network ha già commissionato due stagioni da otto episodi ciascuna.

La storia, che riecheggia When They See Us, racconta di Moses Johnson, un giovane e promettente atleta afroamericano schiacciato dal sistema giudiziario di Chicago, notoriamente incline alla corruzione.

Arrestato per la sua presunta appartenenza a una gang criminale, Moses diventa vittima della furia cieca di poliziotti e procuratori in cerca di vendetta per la morte di un collega durante un’operazione antidroga finita in tragedia.

Il principale interprete della serie sarà Courtney B. Vance. Il suo personaggio, Franklin Roberts, è un avvocato d’ufficio prossimo alla pensione. La promessa dell’uomo di lasciare il lavoro per trascorrere più tempo con la moglie e il figlio autistico si infrange però contro le terribili vicende di Moses.

Roberts, infatti, intuisce immediatamente il potenziale rivoluzionario del caso del giovane e decide di sfidare il razzismo istituzionale e provare a colpire al cuore la corruzione del sistema giudiziario di Chicago.

La prima stagione di 61st Street vedrà la luce nel 2021.

Soulmates

Tra le nuove serie tv firmate AMC trova posto anche un’altra produzione antologica: Soulmates. I suoi sei episodi vedranno impegnato un cast di prim’ordine che riunisce star di Stranger Things, Billions, Breaking Bad, Succession…

Secondo quanto annunciato dai vertici della rete nell’evento organizzato dalla TCA, la storia esplorerà la natura dell’amore romantico e il collegamento della scienza. La sceneggiatura è opera di Will Bridges, già fra gli autori di Stranger Things e Black Mirror, e Brett Goldstein.

Ogni episodio racconterà una storia diversa con interpreti diversi e sarà ambientato in un futuro lontano 15 anni, in una fase in cui una scoperta scientifica cambierà la vita degli umani permettendo loro di trovare l’anima gemella. La fantascienza sarà dunque un espediente grazie al quale si rifletterà su quanto effettivamente costi raggiungere questo obiettivo.

Fra gli interpreti già confermati per la prima stagione di Soulmates spiccano Charlie Heaton – Jonathan Byers in Stranger Things –, Malin Akerman, Betsy Brandt, JJ Field, Sarah Snook, David Costabile e Sonya Cassidy.

The Terror

La popolarità della serie antologica horror The Terror è dovuta principalmente alla sua distribuzione su Amazon Prime Video. La prima stagione è ispirata al romanzo The Terror di Dan Simmons, mentre la seconda – intitolata The Terror: Infamy – è basata su un soggetto originale degli autori Max Borenstein e Alexander Woo.

Pare che al momento AMC stia valutando l’eventuale rinnovo per una terza stagione in base ai pitch del team creativo della serie. Amo l’idea di mescolare storia e horror, ha dichiarato la Presidente Sarah Barnett.

L’horror è un genere grazie al quale si può affrontare metaforicamente in modo meraviglioso la condizione umana e le emozioni che proviamo. […] Sono curiosa di capire come possiamo continuare ad alimentare questo franchise, perché non vogliamo continuare a fare le stesse cose.

Date di uscita confermate

Il panel destinato a AMC ha permesso al network di svelare le sue nuove produzioni e aggiornare il calendario dei ritorni più attesi. Ride With Norman Reedus 4 tornerà sugli schermi l’8 marzo, mentre The Walking Dead: World Beyond debutterà il 12 aprile. Quest’ultima, in particolare, dimostra la volontà di AMC di continuare a espandere l’universo The Walking Dead alimentandone storie e mitologie.

The Walking Dead, Completo 1-9 (Box 39 Br)
  • La serie degli zombie più amata di sempre
  • Basata sull'omonima serie a fumetti scritta da Robert Kirkman
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.