La sorte di Mindhunter 3 è ancora incerta: Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv liberti da vincoli contrattuali

Mindhunter 3 non è stata ufficialmente cancellata ma è come se lo fosse

23
CONDIVISIONI

Mai come in questo momento la sorte di Mindhunter 3 sembra essere appesa ad un filo. In un primo momento si era parlato di un rinnovo ma di un inizio produzione molto tardivo per via della fitta rete di impegni di David Fincher ma i fan hanno sperato fino all’ultimo di avere presto un terzo capitolo. A quanto pare non sarà così e la prova arriva da un’altra batosta che, questa volta, riguarda il mitico cast della serie ovvero Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv.

I tre sono liberi dagli impegni contrattuali e possono concentrarsi sul resto della loro vita e non rimanere legati alla possibilità che Mindhunter 3 si faccia, un giorno. Secondo TV Line , questo cambiamento di stato per la serie è dovuto al fitto programma di impegni del produttore esecutivo della serie David Fincher di cui si era già parlato molto nelle scorse settimane. Il creatore della serie sta lavorando ad altri progetti per Netflix, tra cui il film Mank e la seconda stagione di Love, Death e Robots e questo, almeno per il momento, non gli permette di pensare alla terza stagione di Mindhunter che rimane in un cassetto fino a tempo da definire.

La stessa Netflix in una nota ha fatto sapere:

“David Fincher si concentra sulla regia del suo primo film su Netflix Mank e sulla produzione della seconda stagione di Love, Death e Robots. Potrebbe rivisitare Mindhunter in futuro, ma nel frattempo non era stato giusto per gli attori essere trattenuti dal cercare o lasciarsi coinvolgere in altri lavori in attesa di questo”.

Il possibile ritardo per Mindhunter 3 non è di certo una novità e i fan lo sanno bene ma un conto è attendere che Fincher si liberi e un altro è liberare gli attori principali dai proprio vincoli. Non è detto che i tre o uno di loro non finisca in un altro progetto di lunga serialità e, a quel punto, sarà difficile trovare spazio per il ritorno sul set della terza stagione della serie.

Come si può immaginare, questa notizia non è andata giù ai fan di Mindhunter che hanno già avuto molta pazienza durante la lunga attesa tra la prima e la seconda stagione della popolare serie dal debutto, avvenuto nell’ottobre del 2017, fino al suo ritorno, agosto 2019, quasi due anni dopo. Quando in un primo momento si era parlato di ritardo anche per la terza stagione in molti avevano già messo in onda che ci sarebbe voluto il 2021 per vedere i nuovi episodi ma quest’ultima mossa ha spazzato via anche questa certezza. Mindhunter non è stato ufficialmente cancellato ma il suo futuro non sembra particolarmente brillante.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.