Le prime dichiarazioni di Justin Chambers sull’addio a Grey’s Anatomy e i rumors sulla sua salute mentale (video)

L'interprete di Alex Karev rompe il silenzio dopo aver lasciato la serie: "Sono emozionato" ha detto Justin Chambers sull'addio a Grey's Anatomy

1611
CONDIVISIONI
@PageSix

Sono molto emozionato“: così si è definito Justin Chambers dopo l’addio a Grey’s Anatomy, intercettato per la prima volta dall’annuncio della sua dipartita dal cast della serie tv.

Page Six l’ha incrociato mentre lasciava un hotel a Los Angeles ed è riuscito a scucirgli solo qualche parola, perlopiù di circostanza: l’interprete di Alex Karev, il chirurgo pediatrico del medical drama più lungo di tutti i tempi, ha definito quella di lasciare Grey’s Anatomy una decisione “naturalmente” difficile e sofferta, perché “ovunque passi 15 anni, è un grosso pezzo della tua vita“. E alla domanda sul cosa si aspetta Justin Chambers dopo l’addio a Grey’s Anatomy, che l’ha visto nel cast fisso per 16 stagioni, l’attore risponde semplicemente che non vede l’ora di godersi “vita, famiglia, amore e amicizie“.

Sempre a Page Six, una fonte ha dichiarato che dietro la scelta dell’attore ci sarebbe la necessità di prendersi cura della sua salute mentale, con un ricovero in una struttura specializzata, la Privé-Swiss in Connecticut, che ha già ospitato in passato altre star alle prese con problemi di questa natura come Selena Gomez. Quando gli è stato chiesto se davvero ha trascorso del tempo nella clinica, Chambers non ha negato: “Forse. Comunque, ‘Grey’s mi ha supportato molto e sono molto grato“.

Nessun accenno al suo futuro professionale – se non al fatto di essere “interessato a produrre documentari” – che pure aveva indicato tra le prime motivazioni nel comunicato con cui annunciava la sua uscita di scena, spiegando di volersi cimentare in atri ruoli dopo 15 anni nei panni dello stesso personaggio. Per il momento, preferisce godersi la vita “giorno per giorno“.

Oggi Chambers ha 50 anni e circa metà della sua carriera l’ha trascorsa col camice di Alex Karev nella serie di Shonda Rhimes. Quest’ultima, a distanza di giorni dall’annuncio di venerdì 10 gennaio, non ha ancora commentato la decisione dell’attore, così come non si è espressa la shorwunner Krista Vernoff. L’unica ad esprimersi, con un tweet, è stata la protagonista Ellen Pompeo, definendo la notizia una pesantissima perdita per lo show. E di sicuro è la più pesante dai tempi della morte di Derek, decretata dall’addio di Patrick Dempsey alla serie.

Per il momento non è dato sapere come avverrà l’uscita di scena di Alex: secondo una fonte attendibile come TvLine, l’ultimo episodio di Karev è già andato in onda – l’ottavo della sedicesima stagione, trasmesso da ABC lo scorso 14 novembre – e non ce ne saranno altri. Il medico non è apparso nel finale di metà stagione, perché fuori città in visita alla madre malata, e non è chiaro come sarà gestito il suo mancato ritorno in scena.

Ad oggi Justin Chambers compare ancora nel cast fisso di Grey’s Anatomy nei comunicati diffusi da ABC sulla sinossi degli episodi che saranno trasmessi prossimamente, ma questa potrebbe essere una mera formalità dettata dal mancato aggiornamento alla luce delle novità intercorse nell’ultima settimana.

Grey’s Anatomy 16 riprenderà il 23 gennaio su ABC con un crossover con Station 19, lo spin-off sui pompieri che contestualmente debutta con la sua terza stagione: nella trama dell’episodio non appare alcun riferimento ad Alex Karev, così come in quella dell’undicesimo che andrà in onda una settimana dopo (in Italia la programmazione in prima visione assoluta su FoxLife riprende a febbraio, ogni lunedì in prima serata).

Di sicuro, stando alle dichiarazioni di Chambers, per l’attore sembra arrivato il momento di guardare avanti, pur nella difficoltà di chiudere un capitolo lunghissimo della sua storia professionale, sicuramente quello che gli ha garantito la maggiore visibilità, popolarità e sicurezza economica. Eccolo commentare per la prima volta il suo addio alla serie.

Commenti (1):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.