Cambiamenti in vista per Xiaomi Mi A3: Android 10 da febbraio

Poche settimane all'arrivo di Android 10 sullo Xiaomi Mi A3: parla la divisione indiana

13
CONDIVISIONI

Da febbraio lo Xiaomi Mi A3 inizierà a ricevere l’aggiornamento ad Android 10, così come confermato dalla divisione indiana del produttore cinese su Twitter (potete leggere il post a seguire che Xiaomi India ha inviato di risposta ad una domanda rivoltagli da un utente comune). Il tutto combacia con quanto successo giorni fa relativamente all’upgrade dei codici sorgente kernel, omologati all’ultima major-release dell’OS mobile di Google.

Per chi non lo sapesse, stiamo parlando di un dispositivo equipaggiato con Android One, una particolare versione del sistema operativo Android priva delle personalizzazioni dei vari OEM (in pratica un’iterazione stock vera e propria) e colpita da aggiornamenti di sicurezza regolari. Lo Xiaomi Mi A3 monta uno schermo AMOLED da 6 pollici con risoluzione HD+ (pari a 1560 x 720 pixel) con notch a goccia, ed è spinto dal processore Snapdragon 665, 4GB di RAM, 64GB di memoria interna di tipo UFS 2.1, una fotocamera posteriore tripla con sensori da 48 + 8 + 2MP e batteria da 4030mAh.

Come potete vedere, lo smartphone si pone a buoni livelli (non si può affermare non si tratti di un telefono di tutto rispetto, su questo penso che tutti sarete d’accordo), ed è per questo stato scelto da migliaia e migliaia di utenti il mondo. Ai suoi possessori farà sicuramente piacere sapere che dal mese di febbraio per loro sarà finalmente disponibile l’aggiornamento ad Android 10, e che quindi non dovranno aspettare altro tempo per poter passare all’ultima major-release dell’OS mobile di Google. Non c’è neanche bisogno di dire che le parole della divisione indiana non è da mettere in dubbio, e che, a meno di ritardi inaspettati, il roll-out di Android 10 per lo Xiaomi Mi A3 partirà tra poche settimane. Se avete qualche domanda da farci questo è il momento giusto.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.