Battlefield 2020 tornerà nel presente? Possibile abbandono delle location storiche

A distanza di due anni dall'ultimo episodio della serie, potrebbe essere arrivato il momento per la serie di tornare a combattere guerre contemporanee

Con l’ultimo capitolo che è approdato sugli scaffali ormai nel 2018, c’è attesa per il nuovo Battlefield 2020 che animerà la scena videoludica presumibilmente sul finire dell’anno. La serie targata DICE e patrocinata da Electronic Arts è infatti divenuta nel corso degli anni un vero e proprio punto di riferimento per gli amanti del genere sparatutto. Il merito va a una cura certosina nei dettagli, ma anche e soprattutto a scelte azzeccate per quanto concerne l’ambito delle location e delle ambientazioni storiche.

Se infatti, come un po’ tutti gli esponenti di questo genere, gli esordi sono stati dedicati alle guerre storiche di inizio novecento, è nell’ambito della contemporaneità che la serie ha dato il meglio di se. Basti pensare a Battlefield 2, primo episodio che ha spostato il fuoco da Seconda Guerra Mondiale e Vietnam a un potenziale conflitto globale del prossimo futuro. Il riscontro tra i fan della community è stato molto positivo, e ci spinge a chiederci, dopo Battlefield 1 e Battlefield 5, se non sia arrivato anche per Battlefield 2020 il momento di tornare al presente.

Battlefield 2020 come Call of Duty Modern Warfare?

Un’ambientazione contemporanea potrebbe fare parecchio bene al franchise di Electronic Arts. Gli ultimi due capitoli, per quanto interessanti sotto un punto di vista tecnico e artistico (non ci focalizziamo sugli altri aspetti) hanno però saturato le voglie dei giocatori. Il momento di tornare a sfruttare scenari bellici attuali, con tutte le conseguenze che una scelta del genere avrebbe sul gameplay, potrebbe quindi essere arrivato.

Se Battlefield 2020 fosse ambientato nei giorni nostri, tante sarebbero infatti le soluzioni che gli addetti ai lavori potrebbero sfruttare per infarcire la produzione di interessanti feature. Basti pensare alle strutture architettoniche (soggette a demolizioni) di Battlefield 4, unitamente ai frangenti epici degli scontri a fuoco su lunghe distanze o sfruttando mezzi contemporanei.

Tutti validi argomenti che spingono ad auspicare un nuovo episodio della serie che torni sulle orme proprio di Battlefield 4, a distanza di ormai sei anni dall’ultima apparizione “non storica”. Che sia arrivato il momento di pensare al presente?

Fonte

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.