Video e testo di La Cicogna Strabica di Checco Zalone, la clip ufficiale dopo il successo di Tolo Tolo

Video testo di La Cicogna Strabica di Checco Zalone, nuova clip dopo Immigrato tratta da successo cinematografico di Tolo Tolo

13
CONDIVISIONI

C’è il video e testo di La Cicogna Strabica di Checco Zalone, nuova clip tratta dal grande successo cinematografico di Tolo Tolo che sta ancora sbancando il botteghino dopo il debutto del 1° gennaio.

Le polemiche su Immigrato di Checco Zalone

L’artista e regista pugliese è quindi tornato a cantare con un nuovo brano che fa seguito al rilascio di Immigrato, per il quale si sono scatenate una lunghissima scia di polemiche che imperversano ancora tra le righe incontrollate dei social.

Di La Cicogna Strabica esiste anche un video ufficiale. In queste ore, il successo di Tolo Tolo è stato arricchito da una nuova canzone che fa parte della colonna sonora del film che è ancora nelle sale cinematografiche ed è il primo in cui Zalone compare come regista. La sua verve mancava dalle sale cinematografiche dal 2016, quando è uscito Quo Vado? per la regia di Gennaro Nunziante.

La polemica su Immigrato a Quarta Repubblica

Aveva commentato Giulio Cavalli in una delle recenti puntate di Quarta Repubblica di Nicola Porro:

“Su certi argomenti fare dell’ironia può essere anche pericoloso. Perché in questa clip la critica vera è che c’è un’offesa agli stranieri in Italia. Abbiamo 5milioni di residenti stranieri, di cui 2milioni e mezzo che lavorano e mandano avanti settori importanti del paese. Il film non l’ho visto e non lo andrò a vedere come non ho mai visto i film di Zalone. Può darsi che il film parli d’altro e che questo non c’entri nulla. Però rappresentare il problema degli immigrati con una caricatura, perché è di caricatura che stiamo parlando, è sbagliato”.

Aveva ribattuto Capezzone, invece a favore del diritto di satira espresso da Checco Zalone:

“Ci avete fatto una testa così con il diritto di satira. Se uno sta su Rai3 ed è comunista può dire qualunque cosa. Arriva poi uno come Zalone che in due minuti colpisce tutti perché fa la battuta contro Salvini, fa la battuta su certe esagerazioni degli immigrati (?), su di noi e sulle nostre paure, scherza su destra e sulla sinistra, beh, allora lasciatelo fare”.

La polemica sul video di Immigrato era stata scatenata anche dall’intervento di BaoBab Experience di Roma, che aveva così commentato l’inutile scaldarsi per le frasi definite razziste utilizzate da Zalone nel suo ultimo singolo:

“Il video Immigrato di Checco Zalone, preso così, è a uso e consumo di populisti, perché servono gli strumenti per interpretarlo e ci vuole molta fatica per convincersi che il messaggio sia opposto e che sia l’uomo bianco quello preso in giro o stereotipato”.

La risposta alle polemiche è arrivata con il successo del film al botteghino e che è piaciuto al pubblico, che dalle produzioni di Checco Zalone trae un sano divertimento. Vi lasciamo quindi con il testo e il video ufficiale di La Cicogna Strabica, tratto dalla colonna sonora di Tolo Tolo.

Testo La Cicogna Strabica di Checco Zalone

Wow, la cicogna
La cicogna è quell’augello diligente
che consegna normalmente
tutti i bimbi in occidente
guardate

In America, in Germania, in Svizzera, in Lapponia
tra i ruscelli in Val Di Susa
i più sfigati a Siracusa
(sei cornuto)

E ora tu ti chiederai
Cosa ho fatto? Perché mai?
qual terribile destino
ve l’ha messo nel dere… tanin

Bambini, se ben guardate, lì
tra tutte quelle cicogne
c’è una cicogna strabica
un po’ lunatica
che sbaglia rotta e si dirige verso l’Africa
nessun comignolo, nessun palazzo
perciò i bambini li consegna un poco a ca**o
e poi si mormora, a dire il vero
che questa in Africa c’ha il suo cicogno nero
questa cicogna, che sbaglia rotta
oltre che strabica è na mignotta

Com’è scorbutica, com’è antipatica
questa cicogna che ci porta tutti in Africa
ma non pensatela a questa cessa
miei cari pargoli vi faccio una promessa
mo me ne vado, ma poi ritorno
con cento chili di permessi di soggiorno
Ciao, vi voglio bene

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.