Oscar 2020, annunciate le nomination, in testa c’è Joker

Ecco le cinquine della 92esima edizione dei premi Oscar. 11 nomination per "Joker", tallonato da un terzetto a 10 candidature, con Scorsese, Tarantino e "1917" di Mendes. Doppia candidatura per Scarlett Johansson. Ed exploit per "Parasite"

51
CONDIVISIONI

Gli attori John Cho (Star Trek Beyond) e Issa Rae (Il Coraggio Della Verità) hanno annunciato in diretta streaming le nomination degli Oscar 2020, le cinquine nelle 24 categorie della 92esima edizione del premio del cinema più prestigioso al mondo.

Il film che ha ottenuto più nomination in assoluto è Joker con 11. Lo tallona a 10 un terzetto composto da The Irishman, C’Era Una Volta… A Hollywood e 1917, le cui quotazioni sono salite moltissimo in queste ultime settimane, coronate anche da un primo weekend di uscita negli Usa al cinema in cui il film di Sam Mendes ha superato anche Star Wars. A seguire, più distante, un quartetto di film a 6 candidature: Storia Di Un Matrimonio, Jojo Rabbit, Piccole Donne e la ormai non più sorpresa Parasite. Per quest’ultimo, trattandosi di un film straniero, della Corea del Sud, il risultato, che comprende anche nomination pesantissime per miglior film, regia, sceneggiatura originale, è davvero straordinario. Un exploit coronato dalla notizia recente dell’annunciata miniserie americana tratta dal film per HBO.

Conferme e sorprese

Gran parte dei film più attesi ha fatto il pieno di nomination. Si conferma la forza di Netflix sicuramente, che accumula ben 24 candidature totali, comprendenti le 10 nomination di The Irishman, le 6 di Storia Di Un Matrimonio e le 3 candidature importanti a I Due Papi, attore protagonista a Jonathan Pryce, attore non protagonista ad Anthony Hopkins e sceneggiatura non originale.

Joker è quindi in testa, anche al di là delle previsioni. perché se come miglior attore, film e sceneggiatura non originale il film era tra i favoriti, molto meno scontata era la candidatura personale alla regia per Todd Phillips, che in un testa a testa è arrivata a scapito di nomi come quello di Greta Gerwig per Piccole Donne. Il prestigio del film gli ha guadagnato ulteriori candidature anche in categorie nelle quali non era tra i favoriti, come montaggio e costumi.

The Irishman ha portato sostanzialmente a casa tutto quello che ci si attendeva, film, regia, attori non protagonisti (sia Pacino che Pesci) e diverse categorie tecniche. Non può essere considerata una sorpresa l’esclusione dalla cinquina dei migliori attori di Robert De Niro, che non ha avuto nessuna nomination nei premi maggiori della stagione. Confermate anche le quotazioni di 1917, che ha fatto ovviamente incetta di candidature tecniche, ben 6, più la colonna sonora, e ovviamente film, regia e sceneggiatura originale.

E se fosse l’anno buono per Quentin Tarantino? Fino a oggi agli Oscar è riuscito a vincere solo statuette per la sceneggiatura, ma con C’Era Una Volta… A Hollywood potrebbe portare a casa il premio per il miglior film e la regia, con questo elegiaco (alla Tarantino però!) ritratto della Hollywood anni Sessanta, con una confezione sontuosa che ha ottenuto anche 5 nomination tecniche.

Anche Storia Di Un Matrimonio ha sostanzialmente rispettato le attese. Non è una sorpresa l’assenza dalla cinquina dei registi di Noah Baumbach, che ottiene però la candidatura personale per la sceneggiatura originale. Al di sopra delle previsioni invece il risultato di Jojo Rabbit, che uscirà sugli schermi italiani questa settimana: due candidature personali per il regista e anche sceneggiatore Taika Waititi, tre candidature tecniche e quella importante all’attrice non protagonista Scarlett Johansson.

Nomination agli interpreti: sorprese e delusioni

Scarlett Johansson è una delle vincitrici di questo primo round degli Oscar 2020, capace di portare a casa una doppia nomination, perché c’è anche quella, prevedibile, come protagonista di Storia Di Un Matrimonio. La sua candidatura tra le non protagoniste porta una delle delusioni maggiori, ossia l’esclusione dalla cinquina di Jennifer Lopez con Le Ragazze Di Wall Street, data alla vigilia come l’alternativa possibile alla favorita Laura Dern di Storia Di Un Matrimonio. Per la categoria protagoniste confermati i pronostici, col terzetto Zellweger, Theron, Johansson cui si sono aggiunte la Saorsie Ronan di Piccole Donne e Cynthia Erivo per Harriet, unica candidata di colore. Fuori dalla cinquina, anche qui una parziale delusione, Awkawfina, la rapper e attrice cinoamericana che era riuscita a vincere il Golden Globe con The Farewell.

Tra gli uomini qualche relativa sorpresa per i protagonisti: perché Antonio Banderas non era più tra i favoriti per una presenza in cinquina agli Oscar 2020 e invece ce l’ha fatta, a scapito di Christian Bale e, soprattutto, Taron Egerton. E questa è una delusione maggiore: perché nella parte di Elton John in Rocketman aveva vinto ai Golden Globes e aveva ottenuto la nomination sia ai Bafta che ai Sag Awards. Tra i migliori attori anche Leonardo DiCaprio, per C’Era Una Volta… A Hollywood, anche questa ampiamente prevista. Delusione, parziale, per l’assenza di Adam Sandler, per la sua quotata interpretazione drammatica in Diamanti Grezzi, il film dei fratelli Safdie che si vedrà a partire dalla fine di gennaio su Netflix. Scontata la cinquina monstre dei non protagonisti, che ormai è sempre la stessa di premio in premio, guidata dal favorito Brad Pitt.

Oscar 2020, le polemiche

Un’altra delusione significativa è l’assenza tra i lungometraggi d’animazione di Frozen II. Il vero favorito è Toy Story 4, ma la mancata nomination al film targato Disney, a scapito di un paio di titoli più di nicchia, distribuiti da Netflix, I Lost My Body e Klaus, fa sicuramente notizia. Le polemiche che si accenderanno sicuramente sono quelle relative alla sottorappresentazione di donne e minoranze. L’assenza che suona più vistosa e dolorosa è quella di Greta Gerwig, che con Piccole Donne ha ottenuto la nomination per la sceneggiatura non originale, ma non per la regia (che invece aveva ottenuta con il precedente Lady Bird). Non ha ottenuto alcuna visibilità La Rinvincita Delle Sfigate di Olivia Wilde che una nomination per la sceneggiatura originale avrebbe potuto ottenerla, magari a scapito di 1917, il cui punto di forza non è esattamente lo script. Forte invece la presenza femminile nella categoria Documentario, con ben tre cineaste che hanno ottenuto la nomination, Tamara Kotevska, Julia Reichert e Petra Costa.

L’altra nota dolente degli Oscar 2020 è relativa alle candidature per gli attori: 19 bianchi su 20, solo l’attrice di colore Cynthia Erivo per Harriet evita l’en plein. E qui tra Lupita Nyong’o per Noi, Awkwafina e Zhao Shuzhen per The Farewell, Song Kang Ho per Parasite, Eddy Murphy per Dolemite Is My Name, Jamie Foxx per Il Diritto Di Opporsi, non si può dire non ci fossero alternative. Ripartirà #OscarsSoWhite?

Adesso l’appuntamento è rinviato alla cerimonia del 9 febbraio, che si svolgerà come da tradizione al Dolby Theatre di Hollywood. Ecco intanto tutte le candidature delle 24 categorie degli Oscar 2020.

Miglior film
The Irishman, di Martin Scorsese
C’Era Una Volta… A Hollywood, di Quentin Tarantino
Storia Di Un Matrimonio, di Noah Baumbach
Joker, di Todd Phillips
1917, di Sam Mendes
Parasite, di Bong Joon-ho
Piccole Donne, di Greta Gerwig
Jojo Rabbit di Taika Waititi
Le Mans ’66 – La Grande Sfida di James Mangold

Attrice protagonista
Cynthia Erivo, Harriet
Scarlett Johansson, Storia Di Un Matrimonio
Charlize Theron, Bombshell
Renée Zellweger, Judy
Saoirse Ronan, Piccole Donne

Attore protagonista
Joaquin Phoenix, Joker
Adam Driver, Storia Di Un Matrimonio
Leonardo DiCaprio, C’Era Una Volta… A Hollywood
Antonio Banderas, Dolor Y Gloria
Jonathan Pryce, I Due Papi

Regia
Bong Joon-ho, Parasite
Martin Scorsese, The Irishman
Sam Mendes, 1917
Quentin Tarantino, C’Era Una Volta… A Hollywood
Todd Phillips, Joker

Attrice non protagonista
Laura Dern, Storia Di Un Matrimonio
Margot Robbie, Bombshell
Florence Pugh, Piccole Donne
Scarlett Johansson, Jojo Rabbit
Kathy Bates, Richard Jewell

Attore non protagonista
Brad Pitt, C’Era Una Volta… A Hollywood
Joe Pesci, The Irishman
Al Pacino, The Irishman
Tom Hanks, Un Amico Straordinario
Anthony Hopkins, I Due Papi

Sceneggiatura originale
Sam Mendes e Krysty Wilson-Cairns, 1917
Noah Baumbach, Storia Di Un Matrimonio
Quentin Tarantino, C’Era Una Volta… A Hollywood
Bong Joon Ho e Jin Won Han, Parasite
Rian Johnson, Knives Out

Sceneggiatura non originale
Taika Waititi, Jojo Rabbit
Todd Phillips e Scott Silver, Joker
Greta Gerwig, Piccole Donne
Steven Zaillian, The Irishman
Anthony McCarten, I Due Papi

Film internazionale
Parasite di Bong Joon-ho, Corea del Sud
Dolor Y Gloria di Pedro Almodóvar, Spagna
I Miserabili di Ladj Ly, Francia
Corpus Christi di Jan Komasa, Polonia
Honeyland di Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov, Macedonia del Nord

Film d’animazione
Toy Story 4 di Josh Cooley
Dragon Trainer: Il Mondo Nascosto di Dean DeBlois
Missing Link di Chris Butler
I Lost My Body, di Jérémy Clapin
Klaus, Sergio Pablos

Fotografia
Roger Deakins, 1917
Rodrigo Prieto, The Irishman
Lawrence Sher, Joker
Jarin Blaschke, The Lighthouse
Robert Richardson, C’Era Una Volta… A Hollywood

Scenografia
Dennis Gassner and Lee Sandales, 1917
Bob Shaw e Regina Graves, The Irishman
Ra Vincent e Nora Sopková, Jojo Rabbit
Barbara Ling e Nancy Haigh, C’Era Una Volta… A Hollywood
Lee Ha Jun, Cho Won Woo, Han Ga Ram e Cho Hee, Parasite

Montaggio
Andrew Buckland e Michael McCusker, Le Mans ’66 – La Grande Sfida
Thelma Schoonmaker, The Irishman
Jeff Groth, Joker
Jinmo Yang, Parasite
Tom Eagles, Jojo Rabbit

Costumi
Sandy Powell e Christopher Peterson, The Irishman
Jacqueline Durran, Piccole Donne
Arianne Phillips, C’Era Una Volta… A Hollywood
Mayes C. Rubeo, Jojo Rabbit
Mark Bridges, Joker

Colonna sonora
Hildur Guðnadóttir, Joker
Randy Newman, Storia Di Un Matrimonio
Thomas Newman, 1917
Alexandre Desplat, Piccole Donne
John Williams, Star wars: L’Ascesa Di Skywalker

Canzone
I Can’t Let You Throw Yourself Away, Randy Newman, da Toy Story 4
Stand Up, Joshuah Brian Campbell e Cynthia Erivo, da Harriet
I’m Standing With You, Diane Warren, da Breakthrough
(I’m Gonna) Love Me Again, Elton John e Bernie Taupin, da Rocketman
Into the Unknown, Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez, da Frozen II

Effetti speciali
Avengers: Endgame,
Dan DeLeeuw, Russell Earl, Matt Aitken, Dan Sudick
The Irishman
, Pablo Helman, Leandro Estebecorena, Nelson Sepulveda-Fauser, Stephane Grabli
Il Re Leone, Robert Legato, Adam Valdez, Andrew R. Jones, Elliot Newman
Star Wars: L’Ascesa Di Skywalker, Roger Guyett, Neal Scanlan, Patrick Tubach, Dominic Tuohy
1917, Guillaume Rocheron, Greg Butler, Dominic Tuohy

Sonoro
1917, Mark Taylor, Stuart Wilson
Le Mans ’66 – La Grande Sfida
, Paul Massey, David Giammarco, Steven A. Morrow
C’Era Una Volta… A Hollywood, Michael Minkler, Christian P. Minkler, Mark Ulano
Joker, Tom Ozanich, Dean Zupancic, Tod Maitland
Ad Astra, Gary Rydstrom, Tom Johnson, Mark Ulano

Montaggio sonoro
1917, Oliver Tarney, Rachael Tate
Le Mans ’66 – La Grande Sfida, Donald Sylvester
Joker, Alan Robert Murray
C’Era Una Volta… A Hollywood, Wylie Stateman
Star Wars: L’Ascesa di Skywalker, Matthew Wood, David Acord

Trucco e acconciatura
Bombshell, Kazu Hiro, Anne Morgan, Vivian Baker
Joker,
Nicki Ledermann, Kay Georgiou
Judy,
Jeremy Woodhead
1917
, Naomi Donne, Tristan Versluis, Rebecca Cole
Maleficient: Signora Del Male, Paul Gooch, Arjen Tuiten, David White

Documentario
The Cave, Feras Fayyad
Honeyland, Tamara Kotevska e Ljubomir Stefanov
American Factory, Steven Bognar, Julia Reichert
For Sama, Waad al-Kateab, Edward Watts
The Edge Of Democracy, Petra Costa

Cortometraggio documentario
St. Louis Superman, Smriti Mundhra e Sami Khan
Learning to Skateboard in a Warzone (If You’re a Girl),
Carol Dysinger e Elena Andreicheva
Life Overtakes Me,
John Haptas e Kristine Samuelson
In The Absence,
Yi Seung-Jun e Gary Byung-Seok Kam
Walk Run Cha-Cha
, Laura Nix e Colette Sandstedt

Cortometraggio d’animazione
Daughter, Daria Kashcheeva
Hair Love,
Matthew A. Cherry e Karen Rupert Toliver
Kitbull,
Rosana Sullivan e Kathryn Hendrickson
Memorable,
Bruno Collet e Jean-François Le Corre
Sister
, Siqi Song

Cortometraggio
Brotherhood,
Meryam Joobeur e Maria Gracia Turgeon
Nefta Football Club,
Yves Piat e Damien Megherbi
The Neighbor’s Window,
Marshall Curry
Saria,
Bryan Buckley e Matt Lefebvre
A Sister
, Delphine Girard

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.