Poste Italiane regala 300 euro per i suoi 200 anni? Attenzione su WhatsApp

La prima catena virale di questo 2020 ha come protagonista le Poste ma queste non c'entrano nulla

56
CONDIVISIONI

Weekend all’insegna di una nuova catena WhatsApp: Poste Italiane regala 300 euro a 200 anni dalla fondazione dell’istituto? Sono in molti a chiedersi quanto sia vero il messaggio reso virale sulle chat singole e di gruppo, magari per capire se ci sia reale possibilità di ottenere il gradito abbuono. Dispiace davvero deludere tutti ma, in effetti, il bonus anniversario risulta essere un nuovo tentativo di truffa.

Il messaggio del momento si presenta in questo modo: una nota testuale dal titolo inequivocabile “Poste Italiane regala 300 euro” si accompagna ad un collegamento ipertestuale che sembra essere quello ufficiale delle Poste appunto. Così non è ed in effetti verrebbe da pensarlo subito se solo i destinatari della nota esaminassero l’URL corrispondente. Quest’ultimo è posteitaliane.regalo.live: senz’altro un link poco ortodosso e per questo non ufficiale.

Lo smascheramento della truffa potrebbe avvenire anche seguendo un’altra strada. Nella nota bufala diramata su WhatsApp si fa riferimento all’anniversario dei 200 anni di fondazione proprio delle Poste. In realtà queste sono nate solo nel 1862 come azienda che gestiva in monopolio i servizi postali e telegrafici per conto dello Stato: dunque siamo ancora ben lontani dal duecentenario tanto acclamato.

Cosa succederebbe cliccando sulla nota “Poste Italiane regala 300 euro”? Naturalmente, si atterra su una pagina non ufficiale dell’istituto e proprio per ricevere il tanto desiderato regalo viene richiesta la compilazione di un form con preziosi dati personali. L’ideale sarebbe non visitare mai questo collegamento e comunque mai inserire le proprie informazioni nel form. Queste potrebbero essere utilizzate da alcuni malintenzionati del web per attività di spam o ancora potrebbe capitare di essere iscritti a servizi a pagamento in abbonamento per il proprio numero telefonico. Insomma, mai abbassare la guardia nei confronti di questa catena o di altri messaggi virali: a rischio c’è privacy e anche le proprie finanze.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.