Il film Parasite di Bong Joon Ho diventa una miniserie americana per HBO: può davvero funzionare?

Mentre il film Parasite si appresta a conquistare l'Oscar, HBO ne approfitta per trasformare l'opera sociale di Bong Joon Ho in una miniserie: funzionerà?

30
CONDIVISIONI

Il film Parasite, ultima opera del regista sudcoreano Bong Joon Ho, verrà adattata per il piccolo schermo. Proprio così: mentre la pellicola è sempre più vicina a vincere l’Oscar per il miglior film straniero, le reti americane hanno iniziato una dura lotta per approfittare del suo successo e trasformarla in una potenziale miniserie.

A spuntarla è stata HBO (che pare abbia sconfitto anche il colosso Netflix), attualmente in trattative col regista di Snowpiercer per l’adattamento televisivo. I dettagli sul come il film Parasite diventerà una miniserie sono ancora sconosciuti, ma sul web è già scoppiata la polemica. Molti lamentano l’assenza di idee, altri criticano questa scelta, temendo che andrebbe solo a danneggiare l’opera originale con un adattamento puramente commerciale. Altri ancora si chiedono cosa abbia spinto Joon Ho a mettersi in gioco in campo televisivo; proprio lui che, dopo aver vinto il Golden Globe per il miglior film straniero, lanciava frecciatine agli americani, chiedendo loro di guardare oltre le barriere e aprendosi al cinema come unico linguaggio universale.

Secondo The Hollywood Reporter, Adam McKay (una delle menti geniali dietro la serie vincitrice Succession) sarà produttore esecutivo e curerà l’adattamento americano insieme a Bong Joon Ho. Non è chiaro se il film Parasite diventerà un remake né se sarà ambientato nello stesso universo. Altra preoccupazione dei fan riguarda infatti il cast: ci saranno solo attori inglesi/americani oppure sud coreani come nell’originale?

La storia di Parasite segue la famiglia Kim composta da quattro persone; pur vivendo in uno squallido appartamento, cercano di tirare avanti con un lavoro umile (che neanche riescono a far bene). Sono però molto uniti tra loro. Un giorno a Ki-woo, il minore della famiglia, viene l’idea di falsificare il suo diploma per reinventarsi come tutor di una ricca adolescente. Mano a mano, ogni membro dei Kim si insinuerà pericolosamente come un parassita nella vita dei Park, che al contrario sono benestanti e vivono in una lussuosa villa fuori città, fino a sconvolgere le loro esistenze.

Parasite è stato acclamato dalla critica, aggiudicandosi la Palma d’Oro al Festival di Cannes. È stato anche il primo film sudcoreano a vincere in questa manifestazione così come il primo film a vincere con un voto unanime da La vita di Adele del 2013. In un mix di generi che vanno dalla commedia nera al dramma e al thriller, Parasite racconta una terrificante parabola sociale del nostro tempo. Visto il plauso di pubblico e critica (a livello globale ha incassato 130 milioni di dollari) non stupisce che i colossi americani si siano dati battaglia per sfruttare al massimo il prodotto.

Parasite non è il primo film di Joon Ho ad essere adattato per il piccolo schermo. Dopo anni di dubbi e smentite, Snowpiercer con Chris Evans è diventato una serie tv con protagonisti Jennifer Connelly e Daveed Diggs. Il debutto è previsto nel corso di quest’anno. Il progetto è stato in fase di sviluppo per più di quattro anni e ha già cambiato showrunners, registi e networks.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.