I Nostri Anni di Tommaso Paradiso è una canzone manifesto come Sold Out (audio e testo)

I Nostri Anni di Tommaso Paradiso è il nuovo singolo prima dell'album che presenta come canzone manifesto

115
CONDIVISIONI

I Nostri Anni di Tommaso Paradiso è il nuovo singolo prima dell’album da solista. Già definita come canzone manifesto, il brano è in radio dal 10 gennaio ed è il secondo da quando il cantautore romano ha deciso di lasciare il progetto con i Thegiornalisti dopo Non Avere Paura.

Tommaso Paradiso presenta I Nostri Anni

Queste le parole con le quali l’artista ha voluto presentare il nuovo singolo, che aveva annunciato in occasione degli auguri di buon anno sui suoi canali social:

” ‘I nostri anni’ nella linea temporale della mia carriera è una sorta di canzone manifesto, un po’ come lo sono state ‘Promiscuità’ o ‘Sold Out’. È come se ad un certo punto dovessi mettere un punto, tirare le somme, fare una foto che sappia cogliere un passaggio importante della mia vita. E questo è ciò che in effetti rappresenta ‘I nostri anni’ per me. L’amicizia, l’amore, la mia città, il mio passato e il mio presente che vivono insieme in una sola canzone”.

I Nostri Anni è un inno alla bellezza

Il nuovo singolo di Tommaso Paradiso rappresenta quindi un inno alla bellezza, così come lo ha definito l’artista al momento del rilascio. La produzione è quella di Matteo Cantaluppi, ed è questa la descrizione del brano che si legge nella nota stampa che ha accompagnato il lancio del brano:

I Nostri Anni è un inno alla bellezza fatta di momenti, dettagli, piccoli gesti della quotidianità dalla musica di mamma e papà, ai biscotti inzuppati nel latte, i discorsi dopo mezzanotte. Un racconto intriso di nostalgia in grado di far ridere e commuovere ancora, dove si trovano i segni del passato uniti ad alcune figure simbolo che incrociano cultura pop e filosofia, da Alberto Sordi a Kant. La descrizione dei nostri anni che porta a una domanda universale sulla felicità: Cos’è che ci fa sentire polvere di stelle?

Il brano farà parte del primo album da solista di Tommaso Paradiso, che nel mese di settembre ha deciso di lasciare i Thegiornalisti per correre da solo. Il disco sarà anche portato in tour, secondo il calendario di date che segue, e con biglietti che sono in prevendita su TicketOne e in tutti i canali di vendita abilitati.

Le date dei concerti di Tommaso Paradiso

21 ottobre Roma, Palazzo dello Sport
27 ottobre Napoli, PalaPartenope
30 ottobre Bari, PalaFlorio
3 novembre Reggio Calabria, PalaCalafiore
6 novembre Catania, PalaCatania
11 novembre Assago (Mi), Mediolanum Forum
14 novembre Jesolo (Ve), PalaInvent
25 novembre Firenze, Nelson Mandela Forum
28 novembre Casalecchio di Reno (Bo), Unipol Arena
4 dicembre Torino, Pala Alpitour

Nello show di Tommaso Paradiso non mancheranno i successi della sua carriera da solista ma anche i brani che ha rilasciato durante la lunga esperienza con i Thegiornalisti, fino all’ultimo singolo Maradona Y Pelè, che ha portato in rotazione radiofonica nel corso dell’estate.

La decisione di concludere con il progetto dei Thegiornalisti è arrivata a sorpresa dopo il grande evento che hanno tenuto al Circo Massimo di Roma, nel quale hanno cantato di fronte a 45mila persone. La rottura non è stata indolore, dal momento che gli altri membri del gruppo avrebbero preferito un trattamento diverso da parte del loro ex frontman.

In attesa del video, vi lasciamo con il testo e l’audio di I Nostri Anni di Tommaso Paradiso, in radio dal 10 gennaio dopo Non Avere Paura.

Testo I Nostri Anni di Tommaso Paradiso

Eravamo così belli
o almeno ci sembrava
ed un giorno normale
era sempre un giorno speciale
con la riga di lato e i sogni oltre l’aldilà
facevamo le conte e i pensieri nel dettato
e le notti a studiare canto e matematica
con le spalle scoperte e la musica di mamma e papà

Roma, il sistema solare è qua
rinchiuso nella pelle
cosa
cos’è che ci fa sentire ancora sulle stelle

Ma è chiaro che siamo noi
ma è chiaro che siamo
i biscotti inzuppati nel latte
con i discorsi dopo mezzanotte
e ci ridiamo ancora
ci piangiamo ancora qua

Mannaggia la befana
ma quanto ti ho voluto bene
e te ne voglio sempre di più
se chiudo gli occhi vorrei crollarti addosso

Roma,
le fontane scheggiate al vento
sordi nelle tempie
cosa
cos’è che ci fa sentire polvere di stelle
ma è chiaro che siamo noi
ma è chiaro che siamo
biscotti inzuppati nel latte
con i discorsi dopo mezzanotte
ci ridiamo ancora
ci piangiamo ancora qua
e non c’è un’altra cosa più vera
e più bella di questa
fanculo tutto
questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri

Biscotti inzuppati nel latte
con i discorsi dopo mezzanotte
ci ridiamo ancora
ci piangiamo ancora qua
e non c’è un’altra cosa più vera
e più bella di questa
fanculo tutto
e questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri anni, i nostri anni
questi sono i nostri

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.