Hackerato il profilo Twitter di Mariah Carey, spuntano messaggi razzisti e offese a Eminem

La cantante risponde con ironia: "Mi addormento e succede tutto questo?"

16
CONDIVISIONI

Durante la notte di Capodanno sul profilo Twitter di Mariah Carey sono comparsi messaggi razzisti e insulti contro il rapper Eminem. La ragione non era certamente uno stato di folle ebbrezza dovuto ai bagordi della notte di San Silvestro della voce di All I Want For Christmas Is You, bensì un vero e proprio attacco hacker, lo stesso che aveva raggiunto il fondatore di Twitter Jack Dorsey.

In queste ore tutti i tweet violenti comparsi sull’account ufficiale dell’artista di Huntington sono stati rimossi, ma in rete sono rimasti alcuni screenshot che riportano le parole che hanno gettato i follower nello sconforto. Ai messaggi razzisti si sono alternati gli insulti contro Eminem: “Buon Natale, stupidi ne**i, “Eminem ha il pene piccolo, e tanti altri.

Un portavoce del social network ha confermato: “È stato confermato che l’account è stato hackerato. Appena abbiamo segnalato la questione, abbiamo chiuso l’account e abbiamo avviato un’indagine”, e si tratterebbe del collettivo Chuckling Squad, lo stesso gruppo di hacker che in agosto si era reso responsabile di un attacco contro l’account di Jack Dorsey, che sul suo profilo si era visto postare insulti razzisti via SMS. Nel mese di novembre, infatti, un ex appartenente all’organizzazione era stato arrestato.

Secondo l’Hollywood Reporter, il metodo usato dai pirati informatici sarebbe quello del Sim-Swapping, un metodo di hacking che consiste nel bypassare il controllo degli operatori telefonici con l’accesso al numero di telefono associato all’account, arginando così l’autenticazione a due fattori che protegge i profili su Twitter e Facebook.

Come riporta il portavoce di Twitter le indagini sui responsabili sono ancora in corso, ma date le modalità vi è l’assoluta certezza che si tratti proprio del collettivo Chucklins Squad.

Nelle ultime settimane, in effetti, il nome della cantante aveva cavalcato i trend dei social per il nuovo record stabilito dallo storico singolo All I Want For Christmas Is You con il lancio della nuova versione del video. Tuttavia, Mariah Carey ha risposto con ironia a quanto accaduto sul suo account con un messaggio postato il primo dell’anno: “Faccio un pisolino e accade tutto questo?”.

Perché gli hacker hanno scelto di attribuire a Mariah Carey un attacco a Eminem? Era il 2009 quando la popstar lanciò il singolo Obsessed dall’album Memoirs Of An Imperfect Angel, nel cui testo si chiedeva: “Ragazzo, perché sei così ossessionato da me? E perché menti, dicendo di aver fatto sesso con me?”. Quelle parole erano rivolte proprio al rapper, che nel brano Bagpipes From Baghdad, dall’album Relapse (2009) invitava il marito della Carey, Nick Cannon, a “tenere giù le mani” dalla sua Mariah.

Al dissing di Eminem contro Cannon, dunque, aveva risposto la stessa cantante, ma il rapper aveva di nuovo replicato nel singolo The Warning in cui invitava la voce di Butterfly a tenere la bocca chiusa.

A quanto pare c’è chi prova soddisfazione a dissotterrare vecchie storie chiuse, e per questo i pirati informatici hanno posto il rapper di Stan al centro dell’attacco hacker.

Sul profilo Twitter di Mariah Carey, adesso, le cose sono tornate normali.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.