Ruth Wilson ha lasciato The Affair per il clima ostile e per la “continua nudità” anche non necessaria

Una serie di rivelazioni degli addetti ai lavori rivelano il perché Ruth Wilson ha lasciato The Affair

24
CONDIVISIONI

Si alza il coperchio di un altro vaso di pandora che potrebbe far esplodere un altro scandalo e questa volta al centro di tutto c’è Ruth Wilson che ha lasciato The Affair senza una causa e una motivazione ben precisa. A quanto pare l’attrice non può rivelare niente perché vincolata da una serie di contratti e di firme ma c’è qualcuno che lo ha fatto per lei svelando storie che nessuno avrebbe mai immaginato. Naturalmente si tratta di rivelazioni che vanno prese con le pinze almeno fino a che qualcuno dei diretti interessati non finirà per dire la sua confermando o smentendo tutto quello che è successo.

Nell’estate del 2018, l’attrice Ruth Wilson ha sbalordito i fan annunciando improvvisamente di aver lasciato The Affair senza alcuna spiegazione. Giorni dopo la sua partenza, l’attrice ha intrapreso un tour promozionale per il suo nuovo film ma i giornalisti non hanno fatto altro che tornare sull’argomento abbandono spingendola a rivelare:  “Non si tratta della parità retributiva, e non riguardava altri lavori”. A questa frase l’attrice ha aggiunto una sorta di campanellino d’allarme ovvero “Non mi è davvero permesso parlarne” lasciando intendere che ci fosse altro sotto, molto altro.

A rompere finalmente il silenzio e a portare a galla dettagli inquietanti sulla questione ci ha pensato qualche ora fa THR mettendo insieme in una pubblicazione una serie di rivelazioni raccolte da persone che, in qualche modo, sono collegate all’addio di Ruth Wilson a The Affair. A quanto pare la decisione si è resa necessaria per via di un presunto ambiente di lavoro ostile, per la discordanza tra lei e la showrunner Sarah Treem e le frustrazioni per la quantità di nudità richiesta anche quando non necessario.

Molte delle fonti intervistate hanno rivelato che molto è collegato proprio alla frequenza con cui le veniva richiesto di spogliarsi e la natura di alcune scene di nudo in cui era coinvolta “costringendola” a spogliarsi per non ostacolare la produzione.  Ma la questione non finisce qui visto che le stesse fonti hanno poi rivelato una serie di “incidenti” che hanno messo a disagio i membri del cast e non solo visto che molto spesso “estranei” si trovavano sul set durante scene di sesso tra gli attori e questo non è più possibile.

La fonte rivela:

Più e più volte ho visto Sarah Treem manipolare gli attori in modo che si spogliassero anche quando erano a disagio o non avevano alcun obbligo contrattuale per farlo con un ‘Tutti ti stanno aspettando’ o ‘Sei bellissima’ per superare le loro incertezze. È qualcosa che pensi che verrebbe dalla bocca di un uomo degli anni 50. L’atmosfera era molto tossica“. 

 Tuttavia, la situazione finì per esplodere quando nel 2016 il produttore Jeffrey Reiner, in un incontro casuale con Lena Dunham, le disse ubriaco quanto la ammirasse per aver mostrato “tutto” chiedendole un incontro con la Wilson per convincerla a “fargli vedere le sue tette” mostrandole anche una foto di Maura Tierney in un fotogramma durante una scena di ses*o. Quando i dettagli di quell’incontro raggiunsero le orecchie del cast, Ruth Wilson presentò una denuncia formale e cominciò a negoziare la sua uscita dallo spettacolo.

Secondo le fonti di THR, Ruth Wilson presentò denuncia a Showtime nel febbraio 2017 proprio in merito a un ambiente di lavoro ostile, provocando un’indagine interna che, secondo la rete, ha dato il via ad una serie di “misure appropriate e decisive”. Nonostante la denuncia, però, è stato permesso a Jeffrey Reiner (produttore esecutivo e regista) di rimanere nello show almeno fino a quando gli fu detto che non poteva più dirigere gli episodi che avevano come protagonista la Wilson, a quel punto fu lui a decidere di andare via.

Adesso non rimane che attendere le dichiarazioni ufficiali dei diretti interessati.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.