Resident Evil 3: remake e gioco originale a confronto, tutte le differenze

In uscita ad aprile, il rifacimento del classico survival horror si discosterà dal titolo originale non solo per il comparto tecnico

11
CONDIVISIONI

Con l’annuncio ufficiale di Resident Evil 3 Remake nel corso dell’ultimo PlayStation State of Play, “mamma” Capcom ha finalmente soddisfatto le insistenti richieste degli appassionati. Che si sono fatte assai più intense dopo il lancio del riuscitissimo rifacimento del secondo capitolo, approdato sugli scaffali di tutto il mondo lo scorso gennaio. Richieste, poi, che provenivano non solo dallo zoccolo duro di fan – che vorrebbero vivere in chiave moderna un grande classico del genere survival horror -, ma anche dai gamer più giovani, che vorrebbero approcciarsi ad uno dei videogame che hanno scritto la storia del medium, ma con meccaniche e comparto tecnico tirati decisamente a lucido.

Spazio allora ad un primo trailer al cardiopalma arricchito da diverse sequenze di gameplay, che ci ha permesso di riabbracciare i protagonisti Jill Valentine e Carlos Oliveira, in fuga con altri comprimari – soprattutto agenti speciali della Umbrella – da una Raccoon City ormai devastata dall’epidemia zombie, e vicina alla nuclearizzazione. Non solo, i player devono iniziare a (ri)avere paura del Nemesis, anche lui di ritorno e anche lui al centro di un deciso restyling in vista della release su PC, PlayStation 4 e Xbox One.

Resident Evil 3 tra passato e futuro

E se è vero che Resident Evil 3 si farà strada negli store fisici e digitali a partire dal 3 aprile del 2020, allo stesso modo il colosso di Osaka ha iniziato a snocciolare tutte le differenze tra il remake e il gioco originale, classe 1999. Queste non si limiteranno alla componente grafica, ma, come assicura il producer Masachika Kawata, potrebbero andare a toccare anche alcuni aspetti della narrazione, probabilmente pesantemente modificata. Sulle pagine del portale WccfTech, si legge inoltre che con Resident Evil 2 Capcom aveva l’obiettivo di mantenersi il più possibile fedele all’esperienza originale, mentre con il terzo capitolo ha intenzione di conferire ai personaggi maggior spessore e renderli assai più interessanti agli occhi del pubblico e della critica.

Offerta
Resident Evil 3 - PlayStation 4
  • Combattimenti intensi e risoluzione di puzzle si combinano...
  • Terrificanti ambientazioni del gioco originale e tanti nuovi...

Per fare qualche esempio, Dario avrà uno spazio maggiore rispetto al gioco della fine degli anni ’90, mentre sarà presente anche il temibile Hunter Beta tra i nemici, ma con un look molto diverso. Questo perché il mostro è stato reimmaginato per adattarsi al meglio alle nuove meccaniche di gameplay messe a punto dal team di sviluppo. Naturalmente andremo a scoprire tutte le altre differenze solo con l’uscita, fissata come dicevamo ad aprile. Voi cosa ne pensate di questa nuova concezione di Resident Evil 3? Vi piace l’idea di un cambiamento o vi sarebbe piaciuto un remake più aderente al titolo originale?

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.