Risolti pesanti problemi per WhatsApp con la beta 2.19.366: le tre novità del 14 dicembre

Tutta da scoprire la nuova beta messa a disposizione del pubblico in queste ore, secondo le informazioni raccolte

18
CONDIVISIONI
WhatsApp

Ci sono alcune novità molto importanti che dobbiamo prendere in considerazione oggi 14 dicembre, in merito alla naturale evoluzione di WhatsApp. Premetto che non sto parlando della versione ufficiale e definitiva dell’app, ma solo della sua beta. Tuttavia, quanto emerso questo sabato evidenzia come gli sviluppatori siano costantemente sul pezzo, nel tentativo di mettersi alle spalle i bug più frequenti segnalati dagli utenti. Cerchiamo dunque di capire su cosa intervenga la beta 2.19.366.

Dopo avervi parlato degli smartphone che non saranno più supportato dal 1 febbraio 2020 (qui trovate una lista parziale alla quale siamo risaliti di recente), oggi tocca concentrarsi per forza di cose sul segnale pervenuto direttamente dallo staff tecnico di WhatsApp. Fondamentalmente, la beta in questione è assolutamente indispensabile, in quanto ci permette di archiviare una volta per tutte il bug che si verificava con quella precedente, vale a dire la 2.19.365.

Fino a poche ore fa, infatti, la beta Android risultava praticamente inutilizzabile per gli utenti WhatsApp che hanno deciso di partecipare al programma, con crash continui al momento della sua apertura. Ancora, secondo quanto riportato da WABetaInfo, il nuovo rilascio va ad introdurre anche nuove tonalità per la pelle di alcune emoji. Insomma, un altro step per una completa apertura ad etnie fino a questo momento ignorate.

Occhio anche all’ulteriore step che ci avvicina all’introduzione del tema scuro, considerando il fatto che l’opzione per attivarla adesso risulta disponibile anche all’interno delle impostazioni Chat, dove troveremo anche quella necessaria per gestire lo sfondo. Insomma, ci sono pesanti cambiamenti in vista per WhatsApp, anche se non mi aspetto aggiornamenti ufficiali e definitivi rivoluzionari entro la fine del 2019. Che idea vi siete fatti sotto questo punto di vista? Fatecelo sapere condividendo le vostre impressioni qui di seguito, nell’apposita area dedicata ai vostri commenti.

Commenti (2):
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.