Cosa fare se l’app Poste non funziona: nuovo aggiornamento e dettagli assistenza

Non sempre le anomalie corrispondono ad un vero down, ci sono degli accorgimenti da rispettare

16
CONDIVISIONI

I disservizi con l’app Poste sono all’ordine del giorno. In questa settimana abbiamo assistito ad un vero e proprio down del sito e come conseguenza pure dell’app dell’istituto finanziario ma anche a seguire non sono mancate le anomalie per i clienti che nel frattempo tentano di usufruire del servizio. Come comportarsi dunque in questi casi per cercare di superare l’anomalia corrente?

Incriminato il mancato aggiornamento dell’app Poste

Ci sono dei casi acclarati in cui i problemi con l’app Poste dipendono da anomalie ai server più o meno momentanee (come nel caso del down già citato). Ci sono tuttavia pure molti casi in cui i malfunzionamenti invece dipendono da versioni obsolete dell’app presenti proprio su uno smartphone. Il consiglio è sempre quello di aggiornare proprio i device.

Sul Play Store, in effetti, è appena sbarcata una versione dell’app Poste che contiene anche la risoluzione di alcuni bug, Al momento di questa pubblicazione l’ultimo rilascio è quello 13.6.14 e il suo download da telefono può essere effettuato qui. Al contrario, per quanto riguarda gli iPhone e gli iPad. Anche per loro è pronta l’ultimissima versione dell’app Poste da installare partendo da iTunes.

Invece di aggiornare l’app già presente sul telefono potrebbe essere davvero utile provvedere alla sua disinstallatone e procedere, al contrario, ad un download da zero dello strumento finanziario.

App Poste che non riconosce il PosteID

Una delle casistiche più frequenti nel caso dell’app Poste che non funziona a dovere è quella in cui il sistema restituisce un messaggio di errore quando si inserisce il proprio PosteID (quello che garantisce l’autorizzazione a tutti i tipi di operazioni, anche il solo acceso alla lista movimenti). Per problemi attinenti al codice segreto potrebbe essere fondamentale in alcuni casi provvedere ad un reset dello stesso. La procedura è semplice e guidata e parte da questa pagina ufficiale.

Se si è certi del proprio PosteID e pure non si ha alcuna voglia di resettarlo, un’altra strada da percorrere è quella di chiedere assistenza specifica via telefono. Il contatto da comporre sarà il numero verde 800.00.33.22. Nel menù proposto andrà prima selezionata scelta 1, quella per i clienti privati e poi successivamente la successione 3.2.3.

Come contattare l’assistenza di Poste

I canali di assistenza delle Poste sono molteplici ma non tutti pensati per fornire assistenza in caso di anomalie alle app Poste dunque Bancoposta, Postepay o di altri tool per smartphone dedicati ai servizi finanziati. L’unico numero verde per ottenere aiuto in caso di anomalie di vario tipo resta quello dedicato 800.00.33.22. Occhio tuttavia alle fasce e ai giorni di attività del servizio: gli operatori risponderanno solo dal lunedi al sabato (escluso i festivi) e dalle ore 8:00 alle ore 20:00).

Va infine chiarito, perché magari non proprio noto a tutti, che in qualsiasi caso di anomalia all’app Poste, al sito o comunque a tutti i canali online di erogazione del servizio, recarsi in Ufficio Postale per la richiesta di assistenza no servirà a nulla. Nessun operatore allo sportello, in effetti, è chiamato a prestare assistenza su disservizi di natura tecnica.

Commenti (5):
LUCIACAR4MELA.RIZZO

è assurdo sono mesi che sto provando x aver lAPP .BANCOPOSTE HO FATTO TUTTO ALL’ATM ALLO SPORTELLO POSTE MA RISULTATI ZERO MI POTETE AIUTARE O CAMBIO OPERATORE?

audax

le poste non aggiornano l’app sull’IPHONE; è da settimane che non funziona….
La proverbiale “velocità” delle PI si fa notare in tutto….non solo nelle spedizioni e consegne (tra l’altro con costi fuori mercato) Andate in Svizzera a spedire, costa meno e arriva prima
Buon sangue non mente

Sasá Limone

Non riesco a registrarmi sul ID bancoposta mi da sempre “errore convalida la richiesta di archiviazione” cosa significa,cosa devo fare? Grazie.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.