Sono 300 i posti per concorso notaio: requisiti, prove e presentazione domanda

A disposizione ben 300 posti dal prossimo concorso notaio: tutto quello che c'è da sapere a riguardo

16
CONDIVISIONI

Se siete interessati a reperire informazioni sul concorso notaio il cui bando è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica poche ore fa (4ª serie speciale del 10 dicembre 2019, n.97), siete nel posto giusto. Sono disponibili 300 posti, e le domande dovranno essere recapitate entro il 9 gennaio 2020. Tra i requisiti per essere ammessi al prossimo concorso notaio, trovate quelli che seguono: l’essere in possesso della cittadinanza italiana o di uno Stato membro UE, compimento del 21 esimo anno d’età, essere incensurati, l’aver ottenuto una laurea in giurisprudenza (oppure laurea specialistica o magistrale in giurisprudenza conseguite da un’Università italiana, o ancora titolo equipollente come previsto dalla legge 11 luglio 2002, n.148), essere praticanti regolarmente iscritti presso un Consiglio notarile con alle spalle un’attività di almeno 18 mesi (di cui 1 anno dopo la laurea in via continuativa), non aver compiuto 50 anni (bisogna prendere come riferimento la data di uscita del bando). Inoltre, affinché la propria candidatura sia ritenuta valida, serve che il candidato non sia stato dichiarato non idoneo nei 5 precedenti concorsi per notaio indetti dopo la legge 18 giugno 2009, n.69.

In cosa consistono le prove da sostenere per il superamento del concorso notaio

Il concorso notaio consiste in una prova scritta ed in una orale: la prova scritta si compone a propria volta di tre prove teorico-pratiche (un testamento e due atti tra soggetti in vita, che dovranno essere regolarmente compilati dal candidato). L’esame orale si compone anch’esso di tre prove differenti, di cui una in materia di diritto civile, commerciale e volontaria giurisdizione, la seconda sui procedimenti relativi all’ordinamento del notariato e degli archivi notarili e la terza su quelli relativi ai tributi sugli affari. Per partecipare al concorso notaio – come precisato sul portale ‘altalex.com‘ – bisognerà presentarne domanda (con in allegato una marca da bollo di 16 euro) al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di competenza cui si riferisce la residenza del soggetto (non prima di aver opportunamente compilato anche la domanda per via telematica entro e non oltre i 30 giorni dalla pubblicazione del bando sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica). Potrete reperire il modulo per la domanda telematica sul sito del Ministero della Giustizia, alla categoria ‘Strumenti/Concorsi, esami, selezioni e assunzioni‘.

Attenti ad inviare la domanda di partecipazione entro il termine ultimo dichiarato

Concludiamo dicendoci che le prove per il concorso notaio avranno luogo come predisposto nella Gazzetta Ufficiale. I posti disponibili sono 300 (si tratta di una buona opportunità, che vi consigliamo di non lasciarvi sfuggire): le domande, lo ricordiamo ancora una volta a scanso di equivoci, dovranno essere pervenute perentoriamente entro il 9 gennaio 2020. A questo indirizzo potrete scaricare il file PDF contenente l’atto completo del bando di concorso notaio (leggetelo con attenzione in ogni sua parte per evitare di commettere possibili errori in qualsivoglia passaggio). Speriamo di essere stati sufficientemente chiari e di avervi delucidato abbastanza sulle modalità di presentazione della domanda di partecipazione, sulle prove da sostenere ed i requisiti da possedere per prendere parte alla selezione. Di più per adesso non possiamo dirvi. In caso di dubbi non esitate a contattarci attraverso l’apposito box dei commenti in basso.

Segui gli aggiornamenti della sezione Trending News sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.