Luna Nera arriva su Netflix a gennaio con Nina Fotaras: il trailer lancia la terza serie italiana della piattaforma

Luna Nera si mostra nel suo primo trailer in attesa del debutto ufficiale a fine gennaio

36
CONDIVISIONI
LUNA NERA

La ragazza Occitana de Il Nome della Rosa sarà la protagonista di Luna Nera, la terza serie italiana firmata Netflix che finalmente si mostra in un trailer ufficiale e ha una data di messa in onda. Dal silenzio assoluto, o quasi, all’arrivo sulla piattaforma il tempo è stato davvero poco tant’è che gli abbonati sono rimasti a bocca aperta quando ieri sera è stata rivelata la data di messa in onda della nuova serie italiana Netflix. Fino a qualche giorno fa si parlava di possibili personaggi e di riprese nelle campagne del Lazio e in piccoli paesini caratteristici e dallo stampo medievale, e oggi siamo qua a parlare di un carismatico trailer che si divide tra amore, potere e persecuzioni che riporta tutti alla famosa caccia alle streghe.

Ecco qui il video che anticipa l’uscita di Luna Nera:

Come annuncia lo stesso video, la terza produzione originale Netflix arriverà sulla piattaforma il 31 gennaio prossimo portando sullo schermo il genere fantasy e traendo spunto dal romanzo Le Città Perdute, il primo volume della saga pubblicata da Tiziana Traina. La storia è ambientata nel Seicento e vede come protagonista la bella e “dannata” levatrice di nome Ade (Nina Fotaras) affrontare le conseguenze dell’accusa di stregoneria.

Ade è una giovane ragazza che deve occuparsi del fratellino piccolo e intanto prova a tirare avanti facendo la levatrice ma tutto cambia quando la strana morte di un neonato la porta a scappare via dal suo villaggio trovando rifugio in una comunità di donne emarginate dalla società in quanto ritenute streghe. Loro la accolgono ma questo rende ancora più difficile il suo amore per Pietro (Giorgio Belli), il figlio del capo dei cacciatori di streghe.

Dietro e davanti alla telecamera c’è una grande squadra di donne a cominciare proprio dalla protagonista, la giovane e carismatica Nina Fotaras che ha già conquistato tutti con il suo ruolo ne Il Nome della Rosa (incuriosendo anche molti fan all’estero) e finendo alle sue “mamme” Giada Gagliardi (interpreta Valente), Lucrezia Guidone (Leptis), Federica Fracassi (Janara), Barbara Ronchi (Antalia), Adalgisa Manfrida (è Persepolis), Manuela Mandracchia (è Tebe) e Gloria Carovana (Cesaria).

A loro si uniscono anche Giandomenico Cupaiolo (Sante), Filippo Scotti (Spirto), Gianmarco Vettori (Nicola), Aliosha Massine (Benedetto), Nathan Macchioni (Adriano), Roberto De Francesco (Marzio Oreggi), Martina Limonta (Segesta), Giulia Alberoni (Petra), Camille Dugay (Aquileia) e Gaetano Aronica (padre Tosco).

Dietro la macchina da presa c’è un gruppo di grandi donne già note anche al mondo seriale, e non solo, e, in particolare, la regia è affidata a Francesca Comencini, Susanna Nicchiarelli e Paola Randi, mentre la sceneggiatura è firmata da Francesca Manieri (che ha già firmato l’ottima Il Miracolo insieme a Niccolò Ammaniti) e Laura Paulucci (penna de L’Amica Geniale).

Il resto lo scopriremo tra poco più di un mese proprio su Netflix.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.