Da non utilizzare 4 emoticon Facebook: rischio stop per pornografia

Avviso per tutti coloro che fanno uso considerevole di emoji di ortaggi nei loro post social

7
CONDIVISIONI

Alcune emoticon Facebook possono lasciare sottintendere ben altro rispetto al loro significato immediato. Così può capitare che semplici emoji di ortaggi, ad esempio, vengono interpretati come simboli pornografici e dunque censurati sul social network. Mark Zuckerberg e il suo staff sono fin troppo bigotti? Forse si ma non possiamo non tenere conto della policy della piattaforma tanto utilizzata, pure per evitare spiacevoli episodi.

Condividere in un post una melanzana, una banana, una pesca ma anche il semplice emoticon Facebook caratterizzato da tre goccioline d’acqua potrebbe incidere proprio sul contenuto di riferimento. Questo potrebbe essere considerato, ad esempio, espressione di un linguaggio osé, soprattutto se allegato ad immagini particolari.

Qualche esempio per capire come la policy aziendale potrebbe intervenire su qualche post condiviso proprio con l’ausilio di uno degli emoticon Facebook su citati. In particolar modo, se ad esempio si decide di pubblicare la foto di una donna (famosa e non) con un fisico in gran bella evidenza, l’utilizzo di un empoi con pesca di accompagnamento potrebbe essere interpretato come un riferimento pornografico (di certo pure sessista). A quel punto propri quel contributo sulla piattaforma social potrebbe essere bloccato e dunque non visualizzato.

Sistemi automatici determinano spesso la cancellazione dei post nel social network di Zuckerberg. Quindi l’utilizzo dei simboli su riportati, associati pure a contenuti speciali, potrebbero scatenare un ban effettivo di una pubblicazione. Si potrà provvedere sempre alla richiesta di valutazione del contenuto attraverso specifico form, almeno se si ritiene di non aver violato nessuna norma della policy aziendale come estremo rimedio. Tuttavia, forse, basterebbe evitare l’utilizzo dei simboli qui riportati e magari si eviteranno pure inutili perdite di tempo. Allo stesso tempo, evitare la condivisione di pensieri, immagini e video di dubbio argomento rispetto alla filosofia Facebook, potrebbe pure farci guadagnare punti agli occhi dei nostri contatti per un corretto utilizzo del social.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.