Testiamolo anche qui in Italia EMUI 10 su Honor 10: alcune utili istruzioni sulla beta

Alcuni consigli per provare l'aggiornamento ora disponibile nella sua versione non definitiva in Italia

3
CONDIVISIONI
Honor 10

Una giornata importante quella che stiamo vivendo in Italia a proposito del cosiddetto Honor 10, considerando il fatto che dopo una lunga attesa finalmente possiamo iniziare a testare l’aggiornamento con un EMUI 10 anche nel nostro Paese. Premetto che non si tratti del firmware nella sua versione ufficiale, ma della beta, così come dovremo attendere ancora qualche giorno prima di scaricare il pacchetto software in questione. Tuttavia, da oggi 9 dicembre è possibile quantomeno iscriversi al programma in questione.

Cosa si sa della beta EMUI 10 per Honor 10

Dopo alcuni problemi sorti nelle ultime settimane per Honor 10, soprattutto dal punto di vista della fotocamera stando alle informazioni che abbiamo avuto modo di condividere sul nostro sito, questo lunedì tocca dunque guardare avanti. E l’appuntamento è di quelli importanti, perché da tempo i possessori dello smartphone in questione erano ansiosi di poter toccare con mano un aggiornamento tanto significativo. Ovviamente con l’auspicio che non ci siano bug in grado di rallentare la piena diffusione del pacchetto software.

Sostanzialmente, secondo le informazioni che ho avuto modo di raccogliere, è possibile dire che da questo momento Android 10 ed EMUI 10 (noto come Magic UI 3.0 per i device di questo brand) stiano ufficialmente arrivando anche nel nostro Paese. Come sempre avviene in questi casi, la divisione italiana di Honor fa sapere che si affida a voi per testarlo in anteprima. Ecco perché tutti sono invitati a prepararsi nel testare uno smartphone più user-friendly e visivamente piacevole. Inutile dire che in questo scorcio finale del 2019 il “servizio” sarà limitato solo a pochi device.

Il programma beta incentrato su EMUI 10 e Magic UI 3.0, infatti, si può considerare ufficialmente scattato per i possessori di un Honor 10 e del cosiddetto Honor View 10. Il consiglio che si è soliti dare in queste situazioni è quello di non avventurarsi in un programma beta se si ritiene che non si possa mettere in preventivo qualche bug potenziale qua e là. Detto questo, cerchiamo di capire insieme come partecipare per coloro che non hanno particolari pressioni sotto questo punto di vista.

La procedura per partecipare al programma beta con Honor 10

In particolare, dovrete in primo luogo scaricare l’applicazione BETA usando l’apposti link messo a disposizione dal produttore. A questo punto, una volta entrati, selezionate la voce “personali”, per poi cliccare su aderisci al progetto – progetti disponibili. A questo punto, non dovrete fare altro che recarvi su “registrati” ed avrete portato a termine la procedura con il vostro Honor 10 o Honor View 10.

Occhio però ad alcuni potenziali contrattempi. Ad esempio, stando alle informazioni emerse nelle community tematiche oggi 9 dicembre, è possibile evidenziare che i posti siano limitati e che una volta registrati al Beta program, dovrete per forza di cose attendere la notifica di accettazione. Solo a quel punto il pacchetto software potrà arrivare tramite OTA. Tuttavia, potrebbero esserci dei paletti che in qualche modo rischiano di rallentare tutto il processo.

Ad esempio, chi ha già installato le patch di novembre su Honor 10, potrebbe non rilevare la disponibilità del progetto. La speranza è che problematiche di questo tipo possano essere risolte nel più breve tempo possibile, in modo che un elevato numeri di utenti in possesso dello smartphone possa provare l’aggiornamento con EMUI 10 in versione beta.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.