Marco Mengoni erede di Adriano Celentano? Battute e canzoni tra La Casa Azul e Si è Spento Il Sole

Marco Mengoni erede di Adriano Celentano? La Casa Azul live per la prima volta a due voci e in televisione

11
CONDIVISIONI

Marco Mengoni erede di Adriano Celentano? Queste le parole pronunciate dal Molleggiato che, tra il serio e il faceto, ha accolto l’artista di Ronciglione, al quale ha fatto l’onore di essere presente nel suo ultimo disco, Atlantico.

Per la prima volta, quindi, La Casa Azul è stata cantata live – e in duetto – così come si presenta all’interno del disco. Il brano fa parte della scaletta del tour di Marco Mengoni, ma è sempre mancata la voce di Adriano Celentano che su Canale5 ha finalmente regalato la versione completa al pubblico.

Il cantautore di Ronciglione è approdato in studio per l’ultima puntata di Adrian, della quale è stato l’unico ospite. Spazio alla musica, quindi, con il duetto in La Casa Azul che ha replicato la versione già presente nel disco e che mai era stata portata sul palco.

Marco Mengoni ospite di Adriano Celentano in Adrian

Visibilmente emozionato, Marco Mengoni ha quindi affrontato una prova complicatissima per la sua carriera, quella di cantare a fianco di uno dei più grandi della nostra musica. Cantare è l’unica maniera per esorcizzare la paura di trovarsi al cospetto di un artista così importante, proprio come ha rivelato Marco Mengoni sulla sua pagina ufficiale.

“Davanti a uno come Adriano Celentano troppo spesso non sai cosa dire. Puoi abbassare lo sguardo, ridere e iniziare a cantare”.‬

Atlantico on tour (2 CD)
  • Marco mengoni
  • Atlantico on tour

Hanno cantato La Casa Azul ma anche Si è Spento Il Sole, uno dei grandi classici del repertorio di Adriano Celentano e che il pubblico ha continuato a cantare ben oltre la fine dell’esibizione (qui il video).

Tra le tante battute fatte durante l’ospitata, Adriano Celentano ha anche affermato di sentirsi via via sostituito da Marco Mengoni, che ha abbassato lo sguardo in segno di umiltà e ha mormorato: “Impossibile”. Tanti i consigli del Molleggiato per lui, dall’invito a condurre una trasmissione televisiva a quello di cimentarsi nella recitazione: “Potresti, hai un viso incredibile”.

Infine, l’augurio di Adriano Celentano per un giovane artista che potrebbe riscrivere una parte della storia della musica italiana: “Marco ha tutte le caratteristiche per diventare un grande nel mondo, non gliene manca nessuna”.

L’intervento di Marco Mengoni conclude la serie di puntate di Adrian che sono state previste dalla seconda parte del progetto, con il quale si sono chiuse anche le storie legate ad Adrian, la serie tv che Adriano Celentano aveva concepito per i suoi 80 anni e alla quale ha dedicato 10 anni della sua vita.

Tanti gli artisti che si sono avvicendati sul palco, a cominciare da Ligabue e Gianni Morandi per continuare con Biagio Antonacci, al quale ha chiesto il motivo per il quale non gli avesse regalato Mio Padre è Un Re. I due hanno poi duettato insieme, com’è accaduto con Ligabue, vecchia conoscenza delle trasmissioni televisive di Adriano Celentano.

Intanto, Marco Mengoni sta continuando il suo tour europeo, quello che ha organizzato per il supporto del suo ultimo album e che sta per concludersi anche a livello continentale. L’ultima data della leg italiana si è invece tenuta il 30 novembre al PalaCatania di Catania, dopo che i concerti di Acireale erano stati rinviati per indisponibilità del Palatupparello.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.