Notizie europee per Android 10 sui Samsung Galaxy: roadmap UK

Dopo Samsung Filippine anche Samsung UK dice la sua sui tempi di rilascio di Android 10 con One UI 2.0

I dispositivi Samsung Galaxy sono in attesa di ricevere Android 10 con One UI 2.0, di cui restano da capire i tempi di attesa, anche orientativi. Se nei giorni scorsi vi abbiamo parlato di una roadmap proveniente dalle Filippine, quest’oggi ci concentreremo sulle informazioni trapelate dalla Gran Bretagna.

A quanto sembrerebbe, nel corso del mese di gennaio 2020 l’aggiornamento all’ultima major-relese dell’OS mobile di Google arriverà sui Samsung Galaxy S10, S10 Plus, S10 5G e S10e, oltre che a bordo dei Note 10, Note 10 Plus, Note 10 Plus 5G, S9, S9 Plus e Note 9. A marzo 2020 sarà la volta dei Galaxy A80, mentre ad aprile dei Galaxy A6, A7 (2018), A9 (2018), A40, A70, A90 5G, Galaxy Fold e Galaxy Tab S6. Il roll-out di Android 10 con One UI 2.0 proseguirà a maggio con i Galaxy A10, A20e, A50, Xcover4s e A6, mentre a giugno l’upgrade sbarcherà sul Galaxy J6. A luglio verranno aggiornati i Galaxy J6 Plus, Galaxy Tab S4 e Tab S5e, mentre bisognerà attendere il mese di agosto per il Galaxy Tab A 8 (2019). Infine a settembre prossimo toccherà ai Galaxy Tab A 10.5 e Galaxy Tab A 10.1.

La roadmap diffusa contestualmente da Samsung UK e India vale esclusivamente per questi territorio, anche se è possibile le tempistiche vengano rispettate anche per altri Paesi. Se il vostro Samsung Galaxy non fa parte dell’elenco, facile non riceverà mai Android 10 con One UI 2.0 (come nel caso dei Samsung Galaxy Note 8 e S8, di cui vi avevamo già dato notizia nella giornata di ieri). La situazione sorride soprattutto ai Samsung Galaxy S10, che riceveranno l’upgrade tra poche settimane. Il discorso, al momento, è quello sopra affrontato, ma resteremo naturalmente in allerta nel caso in cui ci fossero altre notizie a corredo. Se avete domande da farci, usate il box dei commenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.