Una bella scoperta il Samsung Galaxy Note 10 Lite: specifiche in comune con Note 9

Con SPen il Samsung Galaxy Note 10 Lite, la cui potenza non si può discutere

4
CONDIVISIONI

Avevamo da un po’ di tempo abbandonato il discorso del Samsung Galaxy Note 10 Lite, dispositivo di recente passato su GeekBench, ed adesso presa del suo database. Il device si identifica con il product-code ‘SM-N770F‘, e dovrebbe montare almeno 6GB di RAM, oltre che essere animato dal processore Exynos 9810 (lo stesso da cui prende le mosse il Samsung Galaxy Note 9, cosa che di per sé è una lieta notizia). Certo, il SoC è meno recente degli attuali Snapdragon 855 o 855+, ma non ci possiamo affatto lamentare, essendo stato realizzato con un processo produttivo a 10nm (discreta efficienza e consumi ridotti).

Il Samsung Galaxy Note 10 Lite sarà equipaggiato lato software con Android 10 e One UI 2.0, e dovrebbe arrivare sul mercato internazionale (come testimoniato dalla ‘F’ che figura alla fine della sigla che lo identifica). Probabile il Samsung Galaxy Note 10 Lite monti anche una SPen, in perfetto stile conla famiglia della serie Note. Non sappiamo se ci sarà una versione provvista di maggiore potenza, e che quindi vada oltre i 6GB di RAM. Una cosa, però, è abbastanza sicura: il prodotto dovrebbe essere commercializzato anche in Italia, per le ragioni che vi abbiamo sopra spiegato.

Per il momento non c’è altro da aggiungere sul conto del Samsung Galaxy Note 10 Lite, ma ci premureremo di riprendere al più presto l’argomento per fornirvi altri dettagli che possano chiarire ancora la situazione, e darci un’idea più precisa del tipo di prodotto che sarà. Nel frattempo vi invitiamo a non farvi prendere dall’entusiasmo: in attesa di conferme ufficiali non è possibile dare alcunché per scontato o per già assodato. Avete domande da farci? Il box dei commenti in basso è a vostra disposizione per qualsiasi dubbio possiate avere in merito a questo, oppure ad altri dispositivi del produttore asiatico.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.