I Jethro Tull in Italia nel 2020 con due date del tour The Prog Years, info sui biglietti

La band di Ian Anderson ripropone il meglio del repertorio prog degli anni '60 e '70

1
CONDIVISIONI

Programmati due concerti dei Jethro Tull in Italia per il 2020. La band di Ian Anderson ritorna nel Belpaese dopo i tre show dell’estate che hanno portato i Jethro Tull a festeggiare i 50 anni di attività a Taormina, Cremona e Genova.

Inoltre, i paladini del prog britannico stanno per visitare nuovamente l’Italia a dicembre con tre eventi di beneficenza: il 19 saranno al Capitol di Pordenone, il 20 alla Chiesa di San Vitale a Parma e il 21 al Teatro Comunale di Ferrara.

Gli incassi dei biglietti per gli spettacoli programmati a dicembre saranno devoluti a tre associazioni benefiche, un’occasione in cui la band sceglie l’opera di bene nel contesto delle festività natalizie. A tal proposito Ian Anderson ha dichiarato:

Sia che il tuo Natale sia un affare di regali e riunioni di famiglia, o che sia un momento più importante di celebrazione del calendario cristiano, unisciti a noi per un po’ di spirito natalizio, musica, letture e una preghiera o due.

Per il 2020, invece, i concerti dei Jethro Tull in Italia arrivano in occasione del tour The Prog Years. La band suonerà il 25 marzo al Teatro Colosseo di Torino e il 27 marzo al Teatro Galleria di Legnano (Milano). I biglietti saranno disponibili su Ticketone a partire dalle ore 10 di lunedì 2 dicembre.

La band salirà sul palco con Ian Anderson, David Goodier al basso, John O’Hara alle tastiere, Joe Parrish alla chitarra e Scott Hammond alla batteria. Ian Anderson ha annunciato il tour con un comunicato sul sito ufficiale dei Jethro Tull:

Spolverare molte vecchie canzoni progressive risalenti ai miei primi tentativi di sperimentare al di fuori del repertorio blues con cui abbiamo iniziato si è rivelato estremamente divertente. Lungo la strada, negli ultimi 50 anni, ci sono stati alcuni buoni brani che ancora oggi mi trovano ispirato a livello musicale o lirico. Speriamo di riuscire a trasportarli entrambi. Alcuni sono davvero difficili da suonare; altri potrebbero essere eseguiti con quello stile, ma scivolano sotto le dita in modo del tutto naturale sebbene le disposizioni generali richiedano prodigi di memoria! Metteteci alla prova, venite alla festa.

Il tour continuerà nel Regno Unito a settembre, e in scaletta sono previsti brani estratti dagli album Stand Up (1969), Benefit (1970), Aqualung (1971), Thick As A Brick (1972) e A Passion Play (1973).

Negli anni i Jethro Tull si sono distinti per l’uso del flauto da parte di Ian Anderson, che ha reso la band un esempio di progressive rock con un taglio quasi da menestrello con tutte le sfumature folk che oggi fanno scuola. Il risultato è un progetto di rock dal profumo storico, e con il tour The Prog Years la band di Blackpool porta sul palco il meglio del suo repertorio.

Durante gli show dei Jethro Tull in Italia verranno proiettati sul palco alcuni filmati in alta definizione, secondo il format scelto per The Prog Years che porterà la band di Ian Anderson a terminare il tour nel Regno Unito nell’ottobre 2020.

Infine i concerti dei Jethro Tull in Italia porteranno sul palco per la prima volta Joe Parrish, l’ultima new entry della formazione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.