Aggiornamento sugli account Twitter inattivi: il social ci ripensa per adesso

Rimandata l'eliminazione degli account Twitter inattivi: il social network dovrà prima sistemare una questione

Qualcuno dei nostri lettori potrebbe essere rimasto turbato dalla notizia che vi abbiamo dato ieri circa gli account inattivi di Twitter, destinati a scomparire progressivamente a partire dall’11 dicembre 2019. Ebbene, tramite un appunto ufficiale diffuso dal proprio canale di supporto, il social network ha deciso di rassicurare i propri utenti, affermando che il procedimento prenderà il via più avanti, non prima di aver individuato la soluzione che permetterà di conservare gli account delle persone decedute (che altrimenti farebbero la fine di tutti gli altri account eliminati per inattività). Questo significa che le operazioni di rimozione forzata, che ricordiamo essere irreversibili, non saranno avviate l’11 dicembre: ci vorrà più tempo, anche se non è ancora possibile stabilire quanto esattamente.

In ogni caso, se ci tenete a mettere al sicuro il vostro account Twitter da eventuali manovre poste in essere dal team di sviluppo, non dovrete fare altro che utilizzarlo più assiduamente (pubblicate qualche tweet, per esempio), e non lasciarlo inattivo per più di 6 mesi (questo il periodo che farà scattare il campanellino d’allarme alla società, e che decreterà l’avvio del procedimento di eliminazione definitiva del proprio account troppo a lungo lasciato a riposo). Per il momento potrete anche evitare di farlo, visto che proprio Twitter ha precisato che la data di partenza delle operazioni è stata posticipata a data da destinarsi.

La procedura evolverà probabilmente nel corso del prossimo anno, non appena il social network avrà trovato il modo di ovviare alla questione degli account di proprietà degli utenti deceduti (che, pieni di messaggi commemorativi, meritano senz’altro di restare online e di non essere brutalmente eliminati, non almeno se non richiesto in modo esplicito dai familiari dei defunti). Se il discorso vi appare ancora poco chiaro, non esitate a contattarci per saperne di più.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.