Eliminazione account Twitter inattivi, si partirà l’11 dicembre: cosa fare

Dall'11 dicembre Twitter procederà alla rimozione graduale degli account inattivi

1
CONDIVISIONI

Da un po’ di tempo non utilizzate il vostro account Twitter? Attenti, perché a partire dall’11 dicembre potreste vedervelo eliminato. Come riportato nella sezione dedicata alle norme sugli account inattivi, il social network provvederà all’eliminazione dei suddetti account in maniera progressiva, pertanto si consiglia, a detta del team di sviluppo, di accedere e di fare uso attivamente del proprio account per mantenerlo attivo (pena la rimozione permanente dello stesso in seguito ad un periodo prolungato di inattività). In pratica, se nell’ultimo semestre non siete stati particolarmente presenti, fareste meglio a pubblicare qualche tweet entro l’11 dicembre, così da mettere al sicuro il vostro account (sempre che ci teniate a mantenerlo attivo).

In ogni caso, dovreste essere contattati tramite email dal social network, che vi metterà personalmente al corrente della nuova normativa. Un provvedimento che rischia di essere per certi versi impopolare, come nel caso degli account Twitter delle persone che non ci sono più, e la cui bacheca è magari invasa di messaggi commemorativi di amici e parenti. La società ha fatto sapere di voler trovare il modo di ovviare, anche se ancora non si sa bene come (non appena lo comunicherà ve lo faremo sapere).

La situazione è questa, mettetevi l’anima in pace e prendete provvedimenti nel caso in cui vogliate salvare per qualche motivo il vostro account Twitter che non siete soliti utilizzare da un certo periodo di tempo a questa parte (si considera periodo di inattività un intervallo temporale pari a 6 mesi). Se, invece, poco vi importa dell’eventuale cancellazione del vostro accout in maniera permanente, lasciate le cose come stanno ed andate avanti come avete fatto fino a questo momento. Avete domande da farci? Il box dei commenti in basso è a completa disposizione.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.