GTA 6 può attendere, Rockstar al lavoro su un progetto inedito?

Il sesto capitolo dello storico franchise di Rockstar Games potrebbe essere messo momentaneamente da parte in favore di una nuova IP?

Le voci inerenti il possibile arrivo in tempi non lunghissimi di GTA 6 hanno cominciato a rincorrersi in giro per la rete già da un po’. D’altronde quando si parla di un franchise come quello di Rockstar Games è impossibile tenere a bada i leak e i rumor che trapelano da potenziali insider, con il risultato che ovviamente è quello di fomentare una community che non ha di certo bisogno di ulteriore benzina per infiammarsi. E se invece di un nuovo capitolo della serie dedicata ai “ladri d’auto” il colosso statunitense avesse in serbo qualcos’altro?

Non è una provocazione, ma quanto emerge dalle ultime voci di corridoio che vorrebbero GTA 6 (così come anche un potenziale Bully 2) essere “messo da parte” in favore di una nuova IP dall’ambientazione medievale.

GTA 6 può attendere, Rockstar ci riporta nel medioevo?

Il tutto è stato riportato da un utente Reddit che a un primo sguardo non ha nessuna autorevolezza in merito (nessun feedback precedente che permetta di assegnargli qualsivoglia tipologia di credibilità, ndr). Fatto sta che, stando alle sue parole, il nuovo gioco della casa produttrice di GTA 6 potrebbe essere già in fase di sviluppo, con l’uscita che però non è poi tanto vicina: si parla infatti del primo quarto del 2021, con l’annuncio che dovrebbe prender vita dunque nel corso dei primi mesi del prossimo anno.

Ad avvalorare la tesi dell’utente random arriva un altro post all’interno del forum che riporta di un profilo scovato sempre su Reddit, di una figura professionale che avrebbe lavorato a una nuova IP Rockstar Games con mansioni di creazione di pezzi modulari in un ambiente di gioco organico con stile architettonico medievale.

Ovviamente anche in questo caso potremmo essere di fronte a un profilo creato ad arte per ingannare gli utenti, sebbene non sia da escludere che lo sviluppatore possa provare a intraprendere una nuova avventura nell’ambito dello sviluppo di prodotti videoludici, forte magari dell’esperienza maturata nel campo “old” con il suo ultimo lavoro, Red Dead Redemption 2.

Fonte

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.