Ancora speranze per Splinter Cell: nuovo capitolo annunciato all’E3 2020?

Un insider di settore ne è sicuro, Sam Fisher è pronto a tornare su PC e console con un nuovo capitolo della saga stealth di casa Ubisoft

Quello di Splinter Cell è un franchise che è stato spesso etichettato come mero rivale di Metal Gear Solid. Eppure, la saga stealth a marchio Ubisoft è riuscita negli anni non solo ad imporsi con una propria identità piuttosto apprezzabile, ma anche a ritagliarsi una gigantesca fetta di fan tra la community di videogiocatori. La stessa che richiede ormai da tempo e a gran voce un nuovo capitolo alla porta della software house d’Oltralpe. Un nuovo capitolo che, tra le altre cose, è stato più volte al centro di leak e di indiscrezioni incontrollate, senza che si arrivasse mai ad un vero e proprio annuncio ufficiale.

E se è vero che la speranza è sempre l’ultima a morire, oggi 25 novembre 2019 la rete regala nuove informazioni in merito, puntando neanche a dirlo sul grande ritorno di Sam Fisher, ormai vera icona videoludica. Un insider di settore ha quindi diffuso sul forum Reddit dettagli piuttosto golosi sulla prossima incarnazione di Splinter Cell, appresi a quanto pare da una fonte molto vicina al progetto. Il titolo sarebbe in lavorazione addirittura dal 2015, ed avrebbe subito molte modifiche strutturali nel corso del tempo.

Splinter Cell, i leak sul nuovo capitolo

La fonte parla di una prima build molto simile a Metal Gear Solid 5 The Phantom Pain di Hideo Kojma – il game designer giapponese che ora ha incantato il mondo con il suo Death Stranding -, realizzata pensando allora ad un gioco open world su tre grandi mappe, ognuna delle quali con un’estensione doppia rispetto a quella del primo The Division, pubblicato dalla stessa Ubisoft. Per quanto riguarda le ambientazioni, si parla del Sudest asiatico, della Russia e del Sudamerica.

Passando alla seconda build, il nuovo capitolo di Splinter Cell in uscita viene descritto come un videogame dalla mappa più contenuta, per poi evolversi in un terzo prototipo in cui le ambizioni da mondo aperto vengono eliminate, anche per non sovrapporsi ad altre produzioni del colosso francese. Il leaker, poi, riferisce pure di una componente multiplayer e di una campagna indipendente in co-op, a pubblicare dopo il lancio in formato episodico. Lancio che dovrebbe avvenire nel tardo 2020, forse anche sulle console next-gen di Sony e Microsoft – quindi PlayStation 5 e Xbox Scarlett -, con l’annuncio fissato per l’E3 2020.

Vi ricordiamo che, trattandosi di rumor non confermati, tutte le informazioni vanno prese con cautela. A voi piacerebbe un comeback di Splinter Cell e dell’agente Fisher? Fatecelo sapere nei commenti!

Segui gli aggiornamenti della sezione Games sui nostri gruppi:

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.