You 2, le prime immagini dalla seconda stagione: lo stalker Joe punta una nuova vittima, Love Quinn

Un primo sguardo a You 2: nelle foto promozionali di Netflix Joe, la sua ex Candace e la nuova preda Love Quinn

10
CONDIVISIONI
Ph. TYLER GOLDEN / NETFLIX

You 2 arriva su Netflix il 26 dicembre, a un anno esatto dal debutto della prima stagione, e le prime immagini promozionali dei nuovi episodi mostrano il protagonista Joe Goldberg (Penn Badgley) sempre più inquietante nella sua costante attività di stalking rivolta a giovani donne che sostiene di amare.

Dopo l’annuncio del debutto di You 2 su Netflix a Santo Stefano, nello stesso giorno che un anno fa vide arrivare la serie nel catalogo di Netflix con la prima stagione, sono online anche le prime immagini dai nuovi episodi con le new entry del cast.

Al fianco del protagonista Penn Badgley, infatti, ci sarà Victoria Pedretti nei panni di Love Quinn, la nuova vittima di Joe: il libraio sociopatico si è trasferito da New York a Los Angeles nella speranza di rifarsi una vita lasciandosi alle spalle il ricordo di Guinevere Beck (Elizabeth Lail), la prima vittima del suo stalking, ma evidentemente il suo approccio nei confronti delle donne e delle relazioni con l’altro sesso non è affatto differente.

Lo stalker e assassino seriale Joe Badgley non ha smesso di seguire, pedinare e ossessionare le sue vittime. Essersi macchiato di plurimi omicidi in nome di una malata idea dell’amore fondata sul possesso e sulla manipolazione dell’altra persona non sembra aver cambiato, a prima vista, la sua attitudine a controllare le sue prede: il primo scatto ufficiale da You 2, pubblicato in anteprima esclusiva da Entertainment Weekly, mostra proprio Joe intento a pedinare la sua nuova ossessione in un negozio, come era solito fare con Beck nella prima stagione.

La seconda stagione della serie – nonostante le critiche alla prima per la romanticizzazione del tema dello stalking – è stata annunciata dalla creatrice e showrunner Sera Gamble come ancora più oscura ed inquietante della prima, al punto che lo stesso Penn Badgley si è detto disgustato da alcune scene che ha dovuto girare.

Parlando con Entertainment Weekly, la Gamble ha sostenuto che Netflix ha richiesto una seconda stagione che seguisse il solco tracciato dalla prima: “Era chiaro che volevano che facessimo uno spettacolo simile alla prima stagione. Sostanzialmente ci hanno detto: ‘Squadra che vince, non si cambia‘” (la prima è stata un successo da circa 40 milioni di visualizzazioni in un solo mese dal debutto). Ciò nonostante, ci sarà comunque un’evoluzione nella caratterizzazione del personaggio, assicura la showrunner: ora il protagonista è “un ragazzo diverso” perché “ne ha passate tante” e il suo approccio con Love Quinn non sarà lo stesso che ha avuto con Beck, di conseguenza, anche la dinamica relazionale tra i due sarà diversa.

Non è quel semplice amore a prima vista che avrebbe potuto cercare un paio d’anni prima. E Love vede che Joe ha subito una grande perdita – senza conoscere i dettagli cruenti – e lo considera uno “spirito affine”. Le circostanze del suo incontro con Love sono molto influenzate da ciò che ha passato con Beck.

In un altro scatto inedito dalla prossima stagione appare Candace (Ambyr Childers), l’ex di Joe che a differenza dei romanzi da cui è tratta la serie appare viva e vegeta, tornando da lui nel finale della prima stagione. Tornerà in scena anche nel primo episodio della seconda, che si apre proprio con quel cliffhanger, per regolare i conti con lui: “È una sopravvissuta. E ora affronterà alcune decisioni davvero difficili su come andare avanti“.

YOU Penn Badgley e Ambyr Childers / Ph. TYLER GOLDEN / NETFLIX

You è tratta dall’omonimo best seller di Caroline Kepnes del 2014, mentre la seconda stagione è l’adattamento del secondo romanzo della serie, Hidden Bodies.

You 2 debutta il 26 dicembre su Netflix, dove è attualmente disponibile la prima stagione.

Tu
  • Caroline Kepnes
  • Editore: Mondadori
Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.