Tutto sul bonus per Smart TV e decoder, cosa fare per ottenerlo dal 18 dicembre

La procedura da seguire per ottenere il risarcimento previsto dal 18 dicembre

9
CONDIVISIONI

Come è possibile ottenere il bonus per Smart TV e decoder di ultima generazione in grado di poter funzionare con l’imminente tecnologia DVB-T2/HEVC? Chi ha davvero diritto a ricevere l’incentivo destinato dal MiSE-MEF per i cittadini italiani?

La transizione dall’attuale standard del digitale terrestre a quello appunto previsto dalla tecnologia DVB-T2/HEVC partirà il 18 dicembre per alcune regioni italiane ma non si concluderà affatto nel giro di poco tempo. La modifica, piuttosto, si espanderà su tutto il territorio italiano fino alla fine 2022. Va ricordato come il passaggio sia stato reso necessario pure dall’avvento del 5G ma in ogni caso garantirà una migliore qualità della ricezione del segnale televisivo e pure nuove modalità di fruizione dei contenuti.

Tornando al bonus per Smart Tv e decoder vero e proprio, questo è ora possibile grazie allo stanziamento di 151 milioni di euro nell’ultima manovra di Bilancio 2019. Il contributo non potrà essere superiore ai 50 euro e non verrà garantito proprio a tutti gli italiani. La forma di indennizzo, in realtà, sarà riservata solo a coloro che risultano avere un reddito ISEE uguale o inferiore ai 20.000 euro.

Proprio il bonus per Smart TV e decoder sarà valido dal prossimo 18 dicembre già citato e fino alla scadenza della transizione del 31 dicembre 2022. Il risarcimento per il necessario acquisto di nuova apparecchiatura hardware non si presenterà in forma di rimborso ma semmai di sconto sulla spesa effettuata.

Chi vorrà usufruire del bonus dovrà presentare presso il rivenditore un modulo di richiesta per l’acquisto del nuovo decoder o anche Smart TV il cui fac-simile sarà messo a disposizione di tutti nel corso dei prossimi giorni dal MiSE. Al documento dovrà associarsi anche una copia del codice fiscale dell’acquirente e pure di un’autocertificazione relativa al reddito iSEE.

Per fare chiarezza sul tipo di modelli che potranno beneficiare del bonius per la Smart TV e il decoder, sempre il Ministero dello Sviluppo Economico pubblicherà una lista di prodotti non solo funzionanti con la nuova tecnologia DVB-T2/HEVC ma pure idonei per ricevere l’indennizzo. Non mancheremo di approfondire dunque l’argomento, non appena saranno disponibili nuovi dettagli in merito.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.