Polemiche per il 5G Iliad in Toscana, ma è tutt’altro: le ultime proteste

Alcune importanti precisazioni dopo le notizie emerse in Toscana a proposito delle ultime antenne Iliad

11
CONDIVISIONI
Iliad

Si torna a parlare di Iliad e delle polemiche innescate dalle sue installazioni sul territorio, considerando il fatto che oggi 19 novembre è venuta alla luce una nuova protesta nei confronti della compagnia telefonica francese. Dopo le notizie portate alla vostra attenzione pochi giorni fa sulle nostre pagine, il montaggio di nuove antenne finisce ancora una volta al centro delle potrete di alcuni residenti, ma stavolta il malcontento davvero non ha ragion d’essere come si potrà notare qui di seguito.

Cosa succede in Toscana con le nuove antenne Iliad?

Provando a scendere maggiormente in dettagli, diventa importante analizzare più da vicino quanto avvenuto a Quarrata, un comune che conta circa 26.000 abitanti in provincia di Pistoia. Alcune informazioni in merito ce le ha fornite il sito Universo Free, secondo cui diversi cittadini avrebbero polemizzato e si sarebbero fatte sentire con l’amministrazione comunale dopo aver notato due nuove antenne installate di recente. Un vero e proprio malinteso nei confronti di Iliad, se pensiamo al fatto che queste persone abbiano dato per scontato che si trattasse di installazioni legate al 5G.

Tuttavia, dopo un’analisi più approfondita su questa vicenda, è emerso che la realtà si sia dimostrata ben diversa, stando anche ad alcune conferme che sono arrivate dallo stesso Comune di Quarrata: fondamentalmente, le due installazioni in primo luogo non riguardano solo il brand transalpino, visto che una risulti essere di Wind, mentre l’altra di Iliad. A questo, poi, va aggiunto il fatto che si tratti di antenne 4G già previste da tempo e necessarie, affinché si potesse assistere all’ampliamento della rete mobile dei due gestori.

Questione, quella riportata oggi, che sottolinea come ci sia una certa prevenzione negativa sul territorio nei confronti di Iliad e del suo tentativo di diventare più indipendente per quanto riguarda la questione antenne.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.