Video malevoli ricevuti su WhatsApp: allarme per file MP4

Potrebbero esserci dei video ricevuti su WhatsApp alquanto dannosi: come difendersi

2
CONDIVISIONI

Non fidatevi di tutti i video che ricevete su WhatsApp: qualcuno potrebbe anche essere malevoli. Stando a quanto riportato su ‘gadgets.ndtv.com‘, ci sarebbe una vulnerabilità che afflige l’applicazione IM sia nella sua versione iOS che in quella Android (non è escluso nemmeno Windows Phone). L’exploit è relativo alla ricezione di un particolare file MP4, puntellato a dovere per procurare danni agli smartphone che lo ricevono.

Si tratta, nella fattispecie, di innescare un buffer overflow relativo al modo in cui il file MP4 viene processato da WhatsApp, l’applicazione potrebbe andare a ripetizione in crash, come anche, nella peggiore delle ipotesi, permettere all’hacker di assumere il pieno controllo dello smartphone in questione, naturalmente da remoto, senza che il legittimo proprietario ne sia in alcun modo a conoscenza. Il risultato? Potremmo essere vittime inconsapevoli di spionaggio, o derubati dei propri dati personali (cosa non di poco conto se si prendono in considerazione le foto, i contatti e le credenziali di e-banking di cui eventualmente si fa uso). Facebook ha già provveduto a pubblicare un comunicato ufficiale a riguardo, assegnando alla vulnerabilità il tracker CVE-2019-11931.

Come fare per mettersi al riparo dall’eventuale rischio? La migliore cosa da fare è tenere sempre aggiornato WhatsApp, dato che l’ultima versione contiene la patch che risolvere il disturbo alla radice. L’exploit è ancora presenti nell’app per Android nelle versioni precedenti alla 2.19.274, per iOS in quelle antecedenti alla 2.19.100, nel client Enterprise nelle precedenti alla versione 2.25.3, in WhatsApp Business per Android in quelle che precedono la versione 2.19.104, in WhatsApp Business per iOS nelle precedenti alla 2.19.100, ed, infine, su Windows Phone nelle iterazioni che precedono la versione 2.18.368 (quest’ultima compresa). State, dunque, attenti ai video che ricevete su WhatsApp: tra questi potrebbe nascondersi un MP4 malevolo. Se avete qualche dubbio a riguardo non esitate a contattarci attraverso l’apposito box dei commenti in basso.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.