Risposta ufficiale sui problemi WeTransfer nella selezione del destinatario

Presa di posizione del brand in merito ad un'anomalia segnalata di recente da diversi utenti qui in Italia

1
CONDIVISIONI
WeTransfer

Arriva direttamente alla nostra redazione una risposta ufficiale da parte del team WeTransfer, in relazione ai problemi riscontrati da parte dell’utenza nel corso delle ultime settimane. Dopo il recente aggiornamento alla piattaforma, infatti, alcuni clienti hanno fatto fatica ad individuare l’apposita voce in cui inserire il destinatario di un invio. Nei giorni scorsi, sulle nostre pagine, abbiamo parlato di una possibile soluzione, ma oggi vogliamo scendere ulteriormente in dettagli con la presa di posizione dell’azienda.

La risposta ufficiale di WeTransfer alla “questione destinatario”

Nel dettaglio, il team WeTransfer ha cercato di chiarire i nostri dubbi sulla difficoltà riportata da diversi utenti italiani. Si specifica, fondamentalmente, che WeTransfer.com sia una piattaforma che genera automaticamente un link di download. Nella modalità classica del servizio, questo link viene inserito in un’email creata automaticamente al click su “Transfer” e permette all’utente di inserire degli indirizzi email – destinatario e mittente – nell’interfaccia. In questo modo, l’utente non utilizza la propria email privata, bensì il sistema automatizzato concepito dal servizio.

La seconda modalità ha esattamente la stessa funzione, ma senza l’invio di un’email automatica: permette all’utente di condividere il link manualmente. Per esempio, qualora l’utente dovesse aprire un nuovo messaggio nel proprio account Gmail privato, inserisce gli indirizzi dei suoi destinatari, scrive il messaggio che vuole, condivide il link che è stato generato dal sito e poi invia la sua email. La differenza sta nel fatto che non riceve l’email di conferma di download, dovesse essere un utente del servizio con la versione gratuita.

Sostanzialmente, WeTransfer sta conducendo questo nuovo esperimento per fare un’analisi e imparare di più sui comportamenti dei nostri utenti, ma soprattutto per limitare il fenomeno dello spam automatizzato. Insomma, ora conoscete le soluzioni ai recenti problemi riscontrati con WeTransfer, ma anche le ragioni che hanno portato ad alcuni cambiamenti.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.