Tatler Magazine dei The Struts da oggi in radio per celebrare 310 anni della rivista (video, testo e traduzione)

Luke Spiller sogna la vita da vip per essere celebrato sul periodico più glam del Regno Unito

Tatler Magazine dei The Struts è da oggi in rotazione radiofonica. Il nuovo singolo della band di Luke Spiller prende il nome dalla popolare rivista fondata da Richard Steele nel 1709, che dal 1901 ha cambiato linea editoriale passando dalla politica alla cronaca rosa, il gossip e tutto il materiale che mettesse in risalto il glamour della upper class.

Il loro brano è stato ufficialmente approvato dalla redazione come colonna sonora ufficiale per celebrare i 310 anni dalla sua fondazione ed è incluso nell’ultimo disco Young&Dangerous.

I The Struts sono la faccia più glamour del revival rock, una corrente che ripropone le sonorità e le scelte discografiche degli anni d’oro della musica del Diavolo, che tra i nomi più importanti include i Greta Van Fleet (spesso paragonati ai Led Zeppelin) e che negli ultimi 10 anni ha visto emergere nuovi fenomeni musicali come i The Darkness.

Il pezzo ha forti influenze brit pop con quel tocco celebrativo che è tipico del glam rock. Luke Spiller, forse ironicamente o forse no, tesse le lodi della upper class dichiarando apertamente che vorrebbe comparire sulla copertina di Tatler, un sogno che coltiva da quando aveva 17 anni: “Tanta gente si dice soddisfatta della propria vita. Beh, io voglio di più: voglio stare su Tatler Magazine”.

Young & Dangerous
  • Audio CD – Audiobook
  • 10/26/2018 (Publication Date) - Universal Music (Publisher)

La redazione di Tatler definisce il frontman Luke Spiller: “Figlio dell’amore musica per Freddie Mercury e Mick Jagger, e lo stesso Spiller racconta in che modo è nata l’ispirazione per il brano:

Ricordo di essere tornato a casa dal pub e di essermi imbattuto in un documentario sul Tatler Magazine che mia madre stava guardando in salotto. Dopo aver visto alcuni episodi mi sono sentito immediatamente ispirato. Mi sono messo al pianoforte e ho iniziato a comporre una prima bozza del ritornello. Dopo alcune ore l’ho messa da parte pensando che fosse troppo teatrale per la band.

In seguito:

Tuttavia, dopo un’improvvisa siccità creativa in quel di Los Angeles, ho proposto alla band di lavorare su qualcosa di divertente, libero e senza confini musicali. Ho parlato a Jed (Elliot, il bassista della band, ndr) dell’idea e ha mostrato molto entusiasmo. Ci mettemmo subito al lavoro e lo completammo in circa 45 minuti. Liricamente questa canzone ha alcune gemme assolute.

I The Struts hanno visitato l’Italia con 5 date nel corso del 2019, l’ultima delle quali si è tenuta al Fabrique di Milano il 29 ottobre. Per la band di Luke Spiller era la seconda volta nel capoluogo lombardo, perché già nel mese di marzo aveva suonato ai Magazzini Generali come prima data italiana.

Young&Dangerous (2018) è il secondo album dei The Struts dopo Everybody Wants (2014), e per il loro glam rock che riprende le atmosfere degli anni ’80 sono spesso stati accostati ai Queen, specialmente per la vaga somiglianza del frontman con Freddie Mercury.

Non è un caso se nel mese di maggio Luke Spiller, arrivato a sorpresa sul palco del Sonic Temple Festival di Columbus, ha duettato insieme ai Foo Fighters di Dave Grohl sulle note di Under Pressure, lo storico brano che i Queen registrarono insieme a David Bowie.

Di seguito il testo, la traduzione e il video ufficiale di Tatler Magazine dei The Struts, da oggi in rotazione radiofonica:

Everyday it’s the same
I go to work then back again
I’ll flick through the pages
Oh, to be rich and be shameless
And when I close my eyes I’m inside
I play out every word I read
Some people stay content with how they’re living
Well I want more

I wanna be in a Tatler Magazine
It’s been my ambition and dream since I was about seventeen
And one day my luck’s gonna change
When I’m featured double page
Living life rich, young and free
Inside a Tatler magazine

You’ll see me going for walks with my labradoodles
Living with the highest of society
Sippin’ on tea, I’ll dress in satin and whites
Oh how it’s good to be me

I’ll fly privately, bon voyage economy
Exploring first world fantasy
No need to wake up before three if you’re me
I know I’ve got what it takes
I’ll get a beautiful face and a Morgan
Whizzing around all over the place
(On your marks, set, go!)

Someday I’ll be there
Country weekends love affairs
I may not have that family tree
But I’ll be damned if I do not succeed
Cause one day everyone will know I’m the star of my own show
Living life in luxury inside a Tatler magazine

(I want to be) Inside a Tatler
Life’s a little bit sweeter in a Tatler magazine
Oooooh (Hey)

TRADUZIONE

Ogni giorno è uguale all’altro,
vado e torno dal lavoro.
Scorrerò le pagine
oh, essere ricchi e spudorati
e quando chiudo gli occhi ci sto dentro,
gioco con ogni parola che leggo.
Tanta gente si accontenta della propria vita
beh, io voglio di più.

Voglio stare su Tatler Magazine
è sempre stato il mio sogno e la mia ambizione da quando avevo circa 17 anni
e un giorno la mia fortuna cambierà
quando starò su due pagine
vivendo la mia vita da ricco, giovane e libero
su Tatler Magazine.

Mi vedrete fare delle passeggiate con i miei cani
vivere con gli alti della società,
sorseggiare tè, mi vestirò di raso e capi bianchi,
oh che bello essere me.

Volerò su jet privati, buon viaggio, economia,
esplorerò fantasie ancestrali,
se sei me non hai bisogno di svegliarti prima delle 3.
So di avere ciò che mi serve
ma sarò dannato se non riuscirò
perché un giorno tutti sapranno che sono la star del mio show:
vivere la vita nel lusso su Tatler Magazine.

(Voglio essere) su Tatler,
la vita è più dolce, su Tatler Magazine.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.