American Horror Story 10 riparte dal cast storico e dallo spazio? Trattative in corso per un rinnovo decennale

American Horror Story 10 non sarà l'ultima stagione della serie?

21
CONDIVISIONI

American Horror Story 10 ci sarà oppure no? La risposta a questa domanda è arrivata ormai un paio di anni fa quando Fx e Ryan Murphy hanno annunciato un doppio rinnovo per la serie per la nona stagione, che si è conclusa proprio mercoledì sera negli Usa tra rivelazioni e colpi di scena, e una decima in corsa d’opera. Come sempre accade si è aperta già la caccia allo spoiler e agli indizi ma, per il momento, le bocche di tutti sono ancora cucite anche se è proprio Ryan Murphy a spiegare come avviene la scelta del tema della stagione e non solo. Il papà della serie, nonostante i suoi progetti con Netflix, non ha intenzione di mollare la presa, anzi, lui stesso ha raccontato che ci sono trattative in corso non solo per mettere insieme la decima stagione ma anche un maxi rinnovo.

Parlando con Deadline, Murphy ha guardato anche oltre la prossima stagione rivelando che lo show è ormai diventato popolare, una sorta di appuntamento fisso dell’autunno a cui forse la rete non vuole rinunciare:

“John Landgraf è sempre stato incredibilmente onorato ad avere American Horror Story e ovviamente vorrebbe continuare, e io vorrei continuare. Siamo nel mezzo di trattative oltre la stagione 10. Abbiamo parlato dello show che potrebbe arrivare anche alla sua ventesima stagione. Se John per qualche motivo dicesse:” Non vogliamo più farlo “, chiamerei Netflix? Sì. Ma ha sempre espresso amore ed entusiasmo nel voler continuare. Ne siamo entrambi molto orgogliosi. È lo spettacolo più quotato di FX nella storia della rete, ha avuto 96 nomination agli Emmy… Ho tutte le buone intenzioni di rimanere lì e penso che John pensi lo stesso. Ne stiamo parlando. Stiamo cercando di capirlo”.

Chi pensava che American Horror Story fosse ormai morta e sepolta e che il decimo capitolo fosse l’ultimo si sbagliava e di grosso visto che le trattative per un ulteriore rinnovo vanno avanti mentre gli scrittori sono a lavoro sulla decima stagione. Ryan Murphy ha svelato di avere una serie di temi da trattare ma che tutto dipenderà anche dal cast che riuscirà a mettere insieme e lui vorrebbe avere i personaggi storici proprio come una sorta di festa per questi dieci anni insieme.

Il produttore ha affermato di essere stato in contatto con “le persone che hanno contribuito a costruire” American Horror Story e il primo pensiero va sicuramente ai protagonisti della prima stagione a cominciare da Sarah Paulson, Evan Peters e Jessica Lange. Quest’ultima si era detta ormai certa di non voler tornare nella serie ma se qualcosa cambiasse? Lo stesso Murphy ha svelato:

“Stiamo lavorando a un’idea per la stagione 10 che penso che la gente amerà perché si tratta di riunire gli attori preferiti dai fan perché potrebbe essere la nostra ultima stagione, almeno l’ultima certa e che ha un contratto. Ho contattato tranquillamente varie persone e tutte hanno detto sì quindi è stato fantastico”.

Sarah Paulson non ha fatto mistero della sua voglia di tornare soprattutto al fianco di Evan Peters e proprio loro due potrebbero essere stati i primi sì.

Capitolo a parte spetta al tema di American Horror Story 10. Molti sono convinti che Murphy abbia finito le cartucce ma è lui stesso a rivelare che non è così e di avere una lista di argomenti papabili a cominciare dallo spazio. Rimane il fatto che si chiama American e quindi dovrebbe rimanere nei confini del Paese:

“Ogni stagione mi viene in mente qual è il vincitore e ho già avuto un’idea per la stagione 10. Ci sono sempre i secondi classificati, e io sono tipo ‘Hmm potrebbe essere questo?’ Abbiamo flirtato con gli alieni, abbiamo flirtato con lo spazio, abbiamo flirtato con alcune cose che erano più interessanti di altre. Penso che al centro ci sia sempre America … I fan scrivono quello che vogliono e hanno sempre desiderato qualcosa nello spazio”.

Saranno accontentati?

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.