Nina Dobrev lascia l’ospedale dopo il ricovero per shock anafilattico, come sta adesso?

Nina Dobrev ricoverata in ospedale per uno shock anafilattico, ecco cosa è successo

2
CONDIVISIONI

Momenti ad alta tensione per i fan di Nina Dobrev che domenica sera è stata ricoverata in ospedale in seguito ad uno shock anafilattico. La bella Elena Gilbert di The Vampire Diaries non è nuova a queste corse in ospedale per via delle sue mille allergie di cui ha sempre parlato sui social con i fan suoi e della serie che l’ha resa famosa.

Proprio lunedì la stessa attrice ha aggiornato tutti quando i gonfiori erano già quasi del tutto sparito e lei si è prestata ad una serie di video girati dalla sua amica Julianne Hough che ha documentato il ricovero della Dobrev sul suo Instagram Story domenica sera e poi, appunto, il giorno dopo. Le immagini di Nina su un letto d’ospedale e con la maschera dell’ossigeno hanno fatto subito il giro del mondo mettendo in ansia i fan che, però, hanno constato il fatto che l’attrice sia già tornata alla sua vita.

La stessa attrice ha scritto: “Molte persone hanno espresso preoccupazione dopo aver visto la storia di Julianne Hough. Sto bene… È abbastanza di routine, mi è successo parecchie volte perché ho molte allergie. A seconda della gravità a volte vado in shock anafilattico”. Nina Dobrev ha ringraziato poi la sua amica che le è rimasta accanto tutta la notte e anche i medici del Cedars-Sinai Medical Center di Los Angeles annunciando anche il suo ritorno a casa.

Al momento le ultime storie risalgono a poco più di un giorno fa e mostravano la Dobrev alle prese con un trattamento per il viso dopo lo shock e il gonfiore dei giorni scorsi. I fan attendono con ansia di sapere come è andata la giornata di oggi convinti che presto la rivedranno sorridere insieme a loro con le simpatiche storie a cui ha abituato tutti sperando che le immagini di questi giorni rimangano un brutto sogno.

Lascia un commento

NB La redazione si riserva la facoltà di moderare i commenti che possano turbare la sensibilità degli utenti.